Parole chiave

Reintegrazione

L'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori (legge 300 del 1970) prevede che il lavoratore, se ingiustamente licenziato, debba essere reintegrato nel suo posto di lavoro. Questa previsione rappresenta un'anomalia all'interno delle normative sul lavoro dei Paesi europei, dove invece è più diffusa la prassi dell'indennizzo per i lavoratori licenziati illecitamente. Questo tema è stato oggetto di un ampio dibattito nel corso degli anni e che ha accompagnato l'iter parlamentare del Jobs act.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Lavoro | Jobs act |

Ultime notizie su Reintegrazione

    Reddito di cittadinanza e Legge di Bilancio: ci vuole più coraggio

    Negli ultimi mesi si è parlato molto di 'fare il tagliando' al Reddito di Cittadinanza (RdC), accendendo un intenso dibattito politico ed accademico sulla misura. L'ultimo rapporto annuale INPS parla di 1,6 milioni di nuclei familiari raggiunti dalla misura nel 2020, per un totale di 3,7 milioni di persone coinvolte. A marzo 2021 il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali ha istituito il Comitato Scientifico per la valutazione del RdC, suggerendo la volontà di riformare la misura con un ap...

    – Tortuga

    Sequestro illegittimo e copia forense la Cassazione annulla

    Sequestro illegittimo e copia forense la Cassazione annulla. La Corte di Cassazione interviene, con una sentenza di fine ottobre del 2021, in tema di copie forensi di materiale informatico a seguito di sequestro probatorio di supporti informatici e telematici. Il Supremo Collegio dichiara l'obbligo di restituzione delle copie informatiche, ritualmente acquisite, ma conseguenti ad un sequestro probatorio non convalidato, richiamando anche i precedenti della CEDU. Secondo la Cassazione, l'ine...

    – Fulvio Sarzana

    Riforma del processo civile / Trattazione prioritaria per i licenziamenti

    Dovranno essere trattate in via prioritaria le cause di licenziamento, in cui è proposta domanda di reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro. Le azioni di nullità dei licenziamenti discriminatori per motivi di genere, potranno essere introdotte, ricorrendone i presupposti, con i rispettivi

    Quei dossier americani sulla rinascita italiana

    All'indomani della Liberazione, alla fine di aprile del 1945, i funzionari del Dipartimento di Stato si erano trovati ad esaminare un rapporto sull'Italia, firmato da Adlai Stevenson (futuro candidato per il Partito democratico alla Casa Bianca) e da lui trasmesso a Washington in febbraio, quando

    – di Valerio Castronovo

    Cinque validi motivi per abolire il Reddito di cittadinanza

    Si tratta di decidere come impiegare le risorse a disposizione, in situazione di "scarsità" delle stesse, in maniera tale da garantire quantomeno la sopravvivenza dell'apparato produttivo sino al momento in cui la crisi sarà conclusa

    – di Costantino Ferrara*

    Cinque buoni motivi per abolire il reddito di cittadinanza

    L'autore di questo post è Costantino Ferrara, vice presidente di sezione della Commissione tributaria di Frosinone, già giudice onorario del Tribunale di Latina, presidente Associazione magistrati tributari della Provincia di Frosinone - Il dover affrontare una crisi economica da pandemia come quella in atto, pone l'esecutivo di ogni Paese coinvolto nella scomoda posizione di fare scelte difficili, talvolta impopolari, talaltra addirittura rischiose. Si tratta, a grandi linee, di decidere come ...

    – Econopoly

1-10 di 356 risultati