Parole chiave

Rapporto prezzo/utile

Si tratta di un indicatore molto osservato in Borsa, perché indica se un’azione è sopravvalutata o sottovalutata. Questo rapporto (spesso indicato con il termine inglese p/e, che sta per price/earning) si ottiene dividendo il prezzo di un’azione per l’utile (ovviamente suddiviso per il numero di azioni). Spesso il p/e viene calcolato sugli utili futuri. Più il p/e sale, più l’azione è sopravvalutata in Borsa.

Ultimo aggiornamento 12 agosto 2016

ARGOMENTI CORRELATI: P/e | Borsa Valori |

Ultime notizie su Rapporto prezzo/utile

    Check-up alle Borse dopo 60 giorni di virus: male 3 indicatori su 4

    Stefan Hofrichter, global economist di Allianz Global Investors, ha realizzato un report in cui mette in luce i segnali a cui prestare attenzione in questa fase. A ogni segnale viene assegnato uno stato (da negativo a positivo) e solo un indicatore supera la prova

    – di Andrea Gennai

    Borse e spread nella morsa di dazi e voto Ue: le mosse per il risparmiatore

    Elezioni europee. Una variabile rilevante per le Borse. Il voto (previsto tra il 23 e il 26 maggio prossimi), a causa della sfida dei partiti anti-europeisti, potrebbe segnare una svolta nell'Unione europea. O, perlomeno, modificarne gli assetti. Una possibilità, a fronte della partita a scacchi

    – di Vittorio Carlini

    Europa chiude in rosso senza il faro di Wall Street. A Milano giù Saipem

    Le Borse europee (segui qui i principali indici), orfane della guida di Wall Street, oggi chiusa per la festa del Ringraziamento, hanno chiuso in calo (Parigi --0,75%, Francoforte -0,94%, Madrid -0,62% e Londra -1,28%) una seduta orientata per lo più della cautela in attesa di aggiornamenti

    – di Eleonora Micheli e Stefania Arcudi

    Ecco i 13 titoli di Piazza Affari che superano il Buffett-test

    Per Cattolica l'ingresso di Warren Buffett nel capitale equivale ad aver vinto al totocalcio. Anzi ad aver vinto una rendita a vita, considerato che gli investimenti del finanziere americano sono sempre di lungo termine. Ma per la compagnia di assicurazioni non è stata una questione di fortuna.

    – di Monica D'Ascenzo

    Borse, estate di fuoco / Le indicazioni del rapporto prezzo/utili "forward"

    Doveroso dare anche un'occhiata ai p/e "forward", ossia al rapporto prezzo-utili nella versione degli utili stimati, non di quelli effettivi. «Nonostante tutto, i p/e forward rimangono ancora al ridosso di 18, lontani dalla media storica (ferma a 15) - spiega Vincenzo Longo - ma se le condizioni

    Perché Wall Street macina record anche se i prezzi sono da bolla

    L'indice S&P 500 della Borsa americana ha aggiornato i suoi massimi storici questa settimana e la sua per una capitalizzazione ha superato il traguardo storico di 20mila miliardi di dollari. Sono valutazioni giustificate? A guardare i cosiddetti multipli, cioè quegli indicatori che rapportano il

    – di Andrea Franceschi

    Essilor-Luxottica: gli analisti promuovono la maxi fusione

    «L'operazione è un'eccellente notizia per entrambi i titoli». Il giudizio del mercato sulla fusione tra uguali tra Luxottica Group e Essilor è più che positivo, tanto che gli analisti di Exabe BnpParibas la definiscono addirittura eccellente. E l'andamento delle azioni in Borsa non fa che

    – di Monica D'Ascenzo

    Perché in Borsa è meglio non fidarsi troppo del rapporto prezzo/utili

    Il rapporto prezzo-utili, il famoso p/e (dall'inglese price-earning ratio) è uno degli indicatori più utilizzati per cercare di capire se le Borse sono "troppo care" (e quindi destinate prima o poi a cadere) o "a buon mercato" (e quindi in prospettiva pronte a salire). Si tratta del rapporto fra il

    – di Enrico Marro

1-10 di 30 risultati