Parole chiave

Ražs

Il termine ražs Ť una parola di origine araba o urdu che si puÚ tradurre con capo o presidente, usata come titolo dai governanti degli Stati musulmani del Medio Oriente e in Asia meridionale. Con questo termine ci si Ť abitualmente riferiti ai leader delle dittature che hanno governato per decenni il mondo arabo: Hosni Mubarak in Egitto, Zine el-Abidine Ben Ali in Tunisia e, naturalmente, Muammar Gheddafi in Libia. Senza contare altri leader del passato come Saddam Hussein in Iraq o Yasser Arafat nei Territori palestinesi. Il Colonnello in realtŗ al termine ražs ha sempre preferito il titolo di qaid (o caid): una parola che, nel mondo musulmano, indica la guida, nel suo caso la guida della rivoluzione del 1969, quella che lo portÚ al potere. Il termine qaid, a sua volta, ha la sua origine in un vocabolo utilizzato in ambito giuridico, qadi, traducibile con giudice

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Termine ražs | Yasser Arafat | Ben Ali | Asia | Muammar Gheddafi | Saddam Hussein | Hosni Mubarak |

Ultime notizie su Ražs

    Macron, il franco CFA e le (ex) colonie: parliamone con un certo brio

    Qualche giorno fa i leader del Movimento 5 Stelle hanno, con enfasi, affermato che la politica monetaria francese in Africa, legata al franco CFA (acronimo di †acronimo di†Comunitŗ Finanziaria Africana), Ť la causa della migrazione e delle altre sciagure che affliggono il Continente.†Una posizione un po' forte, che riecheggia, vagamente, un mix di complottismo e leggende pan-africane post colonialiste.†Tuttavia, come in tutte le leggende, esiste una serie di curiose coincidenze che potrebbero in...

    – Enrico Verga

    E la jihad adesso fa tremare l'Egitto

    Non ci si poteva illudere che la caduta di Raqqa e la sconfitta dell'Isis potessero rappresentare la fine del terrorismo e del jihadismo nel mondo arabo-musulmano neppure in Occidente. Il massacro alla moschea sufi del Sinai Ť l'ennesimo promemoria insanguinato.

    – di Alberto Negri

    Il nuovo ruolo dell'Italia e il controllo dei fondi per i migranti

    L'Italia torna protagonista in Libia, da dove volevano cacciarla insieme a Gheddafi. Con un messaggio politico piý generale: il Mediterraneo e la questione dei migranti non deve diventare lo specchio della disunione europea. A pagare i conti della stabilizzazione della Libia, del Nordafrica e del

    – di Alberto Negri

    Iraq, rinascita o decostruzione di una nazione tormentata

    Ci sono troppi Iraq per farne uno e le celebrazioni delle vittorie sono ingannevoli. Anche per la liberazione di Mosul il 9 luglio, dopo 9 mesi di assedio all'Isis, ci sono stati adeguati festeggiamenti ufficiali. Cosž come gli americani celebrarono il 9 aprile 2003 l'abbattimento delle statua di

    – di Alberto Negri

    Caso Regeni: ęSoliti sospettiĽ, la stampa e il mondo dei vinti

    Ci sono morti che nessuno vuole avere sulla coscienza, ma il cui cadavere deve essere rapidamente sepolto per passare ad altro. Giulio Regeni Ť uno di questi, ma dopo oltre un anno non hanno ancora trovato una lapide convincente.

    – di Alberto Negri

    Troppi rischi per la Cina da un cambio di regime in Corea del Nord

    I regimi non si cambiano facilmente come gli abiti di stagione. I fallimenti recenti dell'Iraq, della Libia e della Siria - ma anche l'Afghanistan - dovrebbero insegnare qualche cosa. Soprattutto non si cambiano se non si hanno delle alternative meno disastrose alle dittature e agli autocrati, per

    – di Alberto Negri

    Iraq, perchť la vittoria di Mosul rischia di essere effimera

    In Iraq c'Ť sempre qualche cosa di effimero e di volatile nelle vittorie. Anche in questa di Mosul sull'Isis annunciata dal premier sciita Haider Abadi. Saddam Hussein, appartenente alla minoranza sunnita, pensava nel 1980 attaccando l'Iran degli ayatollah di sconfiggere agevolmente il regime

    – di Alberto Negri

    Referendum in Turchia: il retroscena siriano della telefonata Trump-Erdogan

    Il Ražs turco cerca una nuova avventura militare in Siria per rinverdire la sua immagine vincente offuscata dalla contestata affermazione nel referendum costituzionale. ęL'operazione Scudo dell'Eufrate non sarŗ l'ultima della Turchia in SiriaĽ, ha annunciato Erdogan dopo avere allungato di altri

    – di Alberto Negri

    I superpoteri del rais turco segnano lo spostamento ad Est

    La lunga stagione della fiction della Turchia candidata all'Europa Ť all'ultima puntata. Con i superpoteri presidenziali Erdogan Ť entrato nella galleria dei ražs, collocandosi nell'arco del dispotismo orientale tra Putin e Assad: un paradosso per un Paese membro della Nato da 70 anni, che ha

    – di Alberto Negri

1-10 di 328 risultati