Parole chiave

Ragioni di scambio

Le ragioni di scambio (Rds) sono il potere d’acquisto dell’export di un Paese in termini dell’import dello stesso Paese. Le Rds sono calcolate come rapporto fra il prezzo medio dell’export di un Paese e il prezzo medio del suo import: danno quindi la quantità di export necessaria per acquistare una data quantità di import. Quando aumenta il prezzo dell’export rispetto all’import si dice che le Rds migliorano; viceversa (per esempio quando aumenta il prezzo del petrolio importato) le Rds peggiorano

Ultimo aggiornamento 13 luglio 2016

Ultime notizie su Ragioni di scambio

    La lezione del Portogallo sul momento giusto per l'austerità

    Lo scorso 6 febbraio il Parlamento portoghese ha approvato il documento programmatico di bilancio per il 2020. Grande risalto è stato dato al fatto che per la prima volta, nei 45 anni di vita della recente Repubblica, il saldo del bilancio dello Stato sarà in attivo. Sebbene la Commissione Europea valuti ancora questo documento a rischio di deviazione significativa sia per il rispetto della regola della spesa che del braccio preventivo del patto di stabilità, si riconosce che il Portogallo sta o...

    – Francesco Lenzi

    Economia in stagnazione, UpBilancio vede un Pil piatto nel 2019

    Se ci sarà una lieve variazione in positivo del Pil quest'anno sarà solo grazie alle migliori dinamiche congiunturali del secondo semestre. L'Ufficio parlamentare di Bilancio con una previsione di crescita dello 0,1% sul 2019 e dello 0,7% nel 2020 (+0,4% senza la disattivazione delle clausole Iva)

    – di Davide Colombo

    Dopo la tregua commerciale tra Trump e la Cina, ora è l'Europa che rischia

    Nella prospettiva dell'Unione Europea (UE), il "cessate il fuoco" tra Trump e Xi Jinping va interpretato in chiaroscuro. Il timore non troppo celato è che il Presidente USA decidere di aprire un nuovo fronte con l'UE nella sua personale crociata commerciale

    – di Marcello Minenna

    Migranti, quattro su dieci sono tunisini ed eritrei: ecco da cosa fuggono

    Tra gennaio e aprile 2018, i tunisini e gli eritrei hanno rappresentato insieme il 40% dei nuovi arrivati nei porti italiani. Occupano i primi due posti nella classifica dell'Unhcr, rispettivamente con il 21,2 e il 20,1 per cento del totale, seguiti da nigeriani, sudanesi e persone provenienti

    – di Andrea Carli

    Il prezzo di un modello di crescita sbagliato

    Alle frequenti e diffuse prassi di interazione, interdipendenza e "contaminazione" non sempre corrisponde un ricorso e un utilizzo positivo di questi termini. Spesso ciò è dovuto a interazioni non riuscite, interdipendenze imposte o a contaminazioni pagate con rinunce eccessive. Le esperienze

    – di Nunzio Galantino

    Così gli squilibri globali aumentano il rischio protezionismo

    Ci sono alcune considerazioni interessanti che il Fondo monetario internazionale propone nel suo ultimo External sector report. Il documento fotografa l'andamento degli squilibri globali, rappresentati contabilmente dai flussi delle partite correnti dei paesi analizzati e dagli stock delle posizioni nette sugli investimenti esteri e quindi è un ottimo viatico per capire lo stato delle relazioni internazionali, atteso che i crediti e i debiti reciproci fanno parte della dialettica fra gli stati. ...

    – Maurizio Sgroi

    Quando Pareto stroncò Marx

    «Il libro di Karl Marx dovrebbe intitolarsi Il capitalista, piuttosto che Il Capitale». Questo perché del capitale non disconosce l'importanza, anzi «ammette che deve non solo riprodursi ma ancora aumentarsi per poter sviluppare "le forze produttive e le condizioni materiali che sole possono

    – di Alberto Mingardi

    Il digitale è più veloce dei Codici

    Le dimissioni da ceo di Travis Kalanick il duro - pure troppo - co-fondatore di Uber potrebbero aprire una nuova pagina per la storia di quella società che è stata prima simbolo di ciò che è la sharing economy e poi di ciò che di solidaristico ha poco o nulla.

    – di Luca De Biase

    L'economia digitale corre più veloce dei Codici

    Le dimissioni da ceo di Travis Kalanick il duro - pure troppo - co-fondatore di Uber potrebbero aprire una nuova pagina per la storia di quella società che è stata prima simbolo di ciò che è la sharing economy e poi di ciò che di solidaristico ha poco o nulla.

    – di Luca De Biase

    E adesso è l'Eurozona il Grande Creditore

    Un'interessante rilevazione contenuta nella Relazione annuale della Banca d'Italia, mette a fuoco un'evidenza solitamente poco osservata quando si discorre dell'andamento degli squilibri globali nelle bilance dei pagamenti: l'Eurozona di fatto è diventata il creditore internazionale più rilevante al termine del 2016, proseguendo una tendenza iniziata dal 2013 e divenuta evidente già dal 2015, come si può osservare nel grafico in basso. Il surplus della zona euro, infatti, "grazie soprattutto a q...

    – Maurizio Sgroi

1-10 di 51 risultati