Parole chiave

Psd2

In data 23 dicembre 2015 è stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea la direttiva Ue 2015/2366 (la Psd2) del 25 novembre 2015 relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno. La direttiva ha abrogato la precedente Psd1 inserita nella direttiva 2007/64/CE. Le regole della Psd2 sono applicate a tutte le transazioni di pagamento effettuate: nelle valute non Ue tra Paesi dell’Unione e in divisa Ue tra due Paesi di cui almeno uno si trova nell'Unione europea (“operazioni one leg”). Sono disciplinati nuovi servizi di pagamento, ovvero: payment initiation, account

information, funds checking.

Ultimo aggiornamento 19 maggio 2018

Ultime notizie su Psd2

    Spese mediche con l'App: serve la prova dell'estratto conto

    Tuttavia bisogna considerare che il sistema finanziario europeo è radicalmente cambiato, soprattutto dopo la direttiva Psd2 (applicata in Italia dal 2019) che ha introdotto l'open banking e imposto sistemi di autenticazione innovativi e più sicuri: gli Istituti di moneta elettronica (Imel) sono intermediari vigilati dalla Banca d'Italia e, come le banche, sono soggetti agli obblighi antiriciclaggio.

    – di Marcello Tarabusi, Giovanni Trombetta

    La strategia nazionale sulla blockchain: analisi ragionata (e critica)

    Post a cura dell'avvocato Massimo Simbula, membro del Comitato Strategico Associazione Copernicani - Nel lontano settembre 2018, il Ministero dello Sviluppo Economico, all'epoca guidato dal Ministro Di Maio, ha avviato una manifestazione d'interesse per la selezione di 30 componenti di un Gruppo di esperti di alto livello, con l'obbiettivo ambizioso di elaborare una strategia nazionale sulle tecnologie basate su registri distribuiti e blockchain. Il gruppo di esperti avrebbe dovuto, nelle inte...

    – Econopoly

    Nexi spinge sull'open banking: più servizi integrati ai clienti

    L'ecosistema di servizi a valore aggiunto, che permette di andare oltre la fase di compliance nell'adeguamento alla direttiva europea Psd2, si fonda sulla partnership con una quindicina di fintech che presentano nuovi modelli di business per il settore: si tratta di società già con prodotti maturi per il mercato, con una solidità finanziaria che garantisca continuità di servizio e con la determinazione di collaborare con le banche.

    – di Pierangelo Soldavini

    Pagamenti, anche chi non ha la licenza potrà operare da banca

    Le Api sono software che permettono di far dialogare sistemi diversi e nel comparto bancario sono diventate lo strumento principe per realizzare il nuovo scenario dell'open banking così come delineato sulla base della Psd2.

    – di Pierangelo Soldavini

    Il fintech dalla disruption alla realtà: o adesso o mai più

    Post di Helga Carlotta Zanotti, avvocata of counsel presso A&A Studio Legale e corsista dell' Executive MBA Ticinensis-EMBAT presso l'Università di Pavia - Gli attori della finanza tecnologica, o Fintech,, sembrano passati dalla disruption ad una nuova realtà che, proprio con il loro contributo, è in costruzione giorno per giorno, lasciando le banche che non raccolgono la sfida, all'angolo. Sono diventati player individuali con milioni di clienti al loro attivo, che puntano dritti verso la redd...

    – Econopoly

    Biancotti (Bankitalia): «Più attacchi in rete con l'emergenza sanitaria»

    Per Claudia Biancotti, economista di Bankitalia «il volume di dati sul traffico internet italiano è cresciuto del 25%. E non tutti coloro che si accostano a questo mondo per la prima volta conoscono i comportamenti da mettere in atto per mitigare i rischi. Le autorità stanno mettendo in campo una risposta robusta». E sulle protezione dati sensibili «le grandi piattaforme potrebbero essere tra i pochi soggetti che dalla crisi usciranno rafforzati»

    – di Davide Colombo e Carlo Marroni

    Con la faccia o in auto, in modo invisibile e a distanza: così si pagherà domani

    Lo scenario competitivo sta ovviamente cambiando anche in Europa sotto la spinta della regolamentazione della Psd2, la direttiva europea che abilita nuovi soggetti all'accesso ai ati bancari e a servizi accessori che spesso vanno a integrare l'offerta dei servizi finanziari, in logica di coopetition, che integra competizione con collaborazione, a beneficio dell'utente finale.

    – di Pierangelo Soldavini

    Fintech italiano in ritardo, ma l'emergenza rappresenta un'opportunità

    Il settore sta comunque registrando una fase di maturazione, essendo ormai in fase di superamento la fase di disruption pura, avviandosi verso la fase di discussione, anche grazie al contributo della Psd2, mentre ora la spinta dell'emergenza sanitaria potrebbe accelerare la fase delle partnership.

    Credem diversifica il business. Focus sulla qualità degli attivi

    L'opportunità per la pmi, sfruttando la direttiva Psd2 sui pagamenti, di costruirsi un unico "cruscotto" dove monitorare i flussi monetari dei suoi conti correnti che normalmente sono domiciliati in differenti istituti di credito.

    – di Vittorio Carlini

1-10 di 160 risultati