Parole chiave

Procedura d’infrazione

Prevenire gli squilibri

È il procedimento finalizzato a sanzionare gli Stati Ue che violano obblighi derivanti dal diritto comunitario. L’obiettivo della procedura d’infrazione per disavanzo eccessivo è prevenire eccessi di deficit e debito e garantirne una pronta correzione.

Ultimo aggiornamento 21 novembre 2018

Ultime notizie su Procedura d’infrazione

    Patto di stabilità Ue: la possibile riforma in tre mosse

    Un percorso ambizioso, quello che si appresta ad affrontare la neo presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen: potrebbe portare prima della fine dell'attuale legislatura europea alla modifica dei Trattati istitutivi dell'Unione economica e monetaria attraverso una versione aggiornata del Patto di stabilità

    – di Dino Pesole

    Nelle scuole è corsa ai supplenti, si rischia l'infrazione Ue

    Se non è un boom di supplenti poco ci manca. In coincidenza con la prima campanella dell'anno scolastico, che dopo Bolzano suonerà oggi in Piemonte e poi via via in tutte le altre Regioni fino alla Puglia il 18, migliaia di studenti italiani si ritroveranno a fare i conti di nuovo con l'emergenza professori

    – di Eugenio Bruno e Claudio Tucci

    Nuovo governo, nuovi problemi

    Nonostante le resistenze, è probabile che Giuseppe Conte formerà un nuovo governo sulla base di una nuova maggioranza, centrata sul Movimento 5 Stelle (M5S) e il Partito democratico (Pd). La nuova maggioranza costituisce la risposta al tentativo della Lega di sfiduciare il precedente governo sulla

    – di Sergio Fabbrini

    Manovra, oltre allo sconto Ue servono almeno altri 15 miliardi

    La priorità è la manovra. Lo ha detto a chiare lettere il premier Conte ieri mattina al Quirinale subito dopo aver ricevuto l'incarico. Nelle stesse ore dalla Ue sono arrivate parole di miele. Bruxelles, ha detto il commissario Ue uscente al Bilancio Guenther Oettinger abbandonando la sua abituale posizione di falco, «è pronta a fare qualsiasi cosa per facilitare il lavoro del governo italiano e per ricompensarlo»

    – di Marco Rogari e Gianni Trovati

    Se l'Italia si abitua a giocare a fondo classifica

    Bisogna cominciare a interrogarsi, al di là delle politiche più o meno efficienti quando non miopi e fallimentari messe in atto dai governi, se la grande stagnazione, che data dai primi anni '90, abbia eroso anche lo spirito e la cultura della crescita che sono stati i secolari punti di forza dell'Italia

    – di Guido Gentili

    BTp, rendimenti ai minimi dal 2016 ma non esiste il "tesoretto" dello spread

    «Visto che lo spread si è abbassato, si potrebbe cominciare ad eliminare quella tassa odiosa che è il bollo auto». Il vicepremier Luigi Di Maio parla come se il calo dello spread BTp-Bund producesse una sorta di "tesoretto". Un regalo finanziario. E lo fa proprio nel giorno in cui il differenziale

    – di Morya Longo

    Abolizione bollo auto, la proposta di Di Maio non funziona

    Eliminare o ridurre il bollo auto si può, ma occorre individuare coperture certe. L'annuncio a "Uno mattina" del vice premier e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio (utilizzare i risparmi indotti dal calo dello spread per abolire questa «tassa odiosa») va contestualizzato.

    – di Dino Pesole

1-10 di 150 risultati