Parole chiave

Privacy Shield

Il cosiddetto Privacy Shield è l’accorod approvato da Stati Uniti ed Unione europea per proteggere la riservatezza dei dati personali su internet e social network e in particolare dei dati personali dei cittadini Ue trasferiti negli Usa per scopi commerciali. Il nuovo accordo mira a superare le carenze del Safe Harbor che la Corte di Giustizia europea aveva bocciato, considerate le rivelazioni nel 2013 sullo spionaggio di massa ad opera dell’intelligence Usa.

Ultimo aggiornamento 11 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Dato personale | Stati Uniti d'America | Unione Europea | Corte di Giustizia |

Ultime notizie su Privacy Shield

    Con il 41,8% delle app di giochi i dati dei bambini finiscono in nazioni che non tutelano la privacy

    Rivela un fenomeno preoccupante una ricerca dell'Osservatorio di Federprivacy che ha esaminato 500 app rivolte ai giovanissimi che hanno registrato milioni di download sul Playstore di Google: benché vengano presentate come innocui giochi per soggetti vulnerabili quali sono bambini e ragazzi, in realtà il 93,8% di tali app contengono tracker di profilazione che spiano i comportamenti online dei giovanissimi utenti raccogliendo massivamente le loro informazioni personali per scopi non del tutto...

    – Nicola Bernardi

    Ancora guerra sui dati tra Usa e Ue, ma non solo

    Era già accaduto il "Safe Harbour" e si è ripetuto con il "Privacy Shield". La mannaia della Corte di Giustizia Europea si è abbattuta nuovamente sugli accordi per la circolazione dei dati tra Unione e Stati Uniti. Insufficiente e non idoneo a tutelare i dati dei cittadini europei, questo è stato

    – di Alessandro Curioni

    Perché sul privacy shield serve una soluzione urgente

    L'invalidazione del Privacy Shield da parte della Corte di Giustizia (CJEU) (vd. Sole24Ore di Venerdì 17 luglio) cancella uno dei principali strumenti che legittimavano il trasferimento di dati personali verso gli Usa e mette a rischio i flussi tra l'Unione e il resto del mondo. Ai giudici

    – di Andrea Fedi e Lucio Scudiero

    Privacy: un Davide ha vinto contro un Golia lasciando le imprese nel guado e nell'opacità della deglobalizzazione del commercio e della cultura - La voce delle pmi tedesche

    Il punto di vista di due associazione dell'It e pmi tedesche sulla sentenza della Corte di Giustizia Europea sullo scudo per la privacy, che pubblicherò qu in calce nei prossimi giorni, e l'articolo sotto sono intesi come contributi per una Europa migliore - per tutti. Lo "scudo" tra Unione Europea e Stati Uniti appena invalidato dalla Corte di Giustizia era un meccanismo utilizzato da più di 5.300 aziende negli scambi transatlantici per garantire che negli Usa chi riceveva dati di individui e...

    – Guiomar Parada

    GDPR: la Corte di Giustizia UE invalida il Privacy Shield con gli Stati Uniti

    La Corte di Giustizia UE  dichiara invalida la decisione 2016/1250 della Commissione sull'adeguatezza della protezione offerta dal regime dello scudo UE-USA per la privacy. Essa giudica, invece, valida la decisione 2010/87 relativa alle clausole contrattuali tipo per il trasferimento di dati personali a incaricati del trattamento stabiliti in Paesi terzi ai sensi del regolamento generale sulla protezione dei dati (in appresso "GDPR")  il trasferimento dei suddetti dati verso un Paese terzo pu...

    – Fulvio Sarzana

1-10 di 22 risultati