Parole chiave

Prestito convertibile

Un'obbligazione convertibile è un'obbligazione il cui rimborso può avvenire, a discrezione del sottoscrittore, con la consegna di titoli di altra specie e di uguale valore. Un'obbligazione convertibile in azioni, per esempio, implica che il sottoscrittore dell'obbligazione possa decidere di ricevere, alla scadenza del prestito, azioni della società emittente o di altra società anziché denaro. La convertibilità delle obbligazioni consente ai loro possessori di partecipare quindi all'incremento del prezzo dell'azione.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Obbligazione convertibile |

Ultime notizie su Prestito convertibile

    Carige si attrezza per l'aggregazione. «La banca è salva, no ad altre cessioni»

    «Con l'emissione del bond entro la fine dell'anno e poi l'aumento di capitale a inizio 2019, la banca è in sicurezza. E avrà più forza per trattare l'aggregazione chiesta da Bce. Malacalza e gli altri grandi soci? Credo che ci resteranno vicini. Per ora diciamo grazie al fondo interbancario e

    – di Alessandro Graziani

    Carige, in crisi profonda anche l'ultima banca della prima Repubblica

    Chissà se lo spagnolo Ramon Quintana della Vigilanza Bce e la tedesca Elke Konig del Single Resolution Board della Ue avrebbero mai pensato di dover essere chiamati - come avvenne nella lunga notte tra il 15 e il 16 novembre del 2017 - per gestire la resolution, ovvero il fallimento, dell'italiana

    – di Alessandro Graziani

    Pace fatta con Saint-Gobain: il gruppo Sika resta svizzero

    Lugano- La inusuale, lunga contesa attorno a Sika, gruppo svizzero attivo nella chimica per l'edilizia e presente anche in Italia, è giunta a un punto di svolta. E' stata infatti siglata la pace tra il gigante francese Saint-Gobain, che da tempo voleva acquisire Sika ma ne sarà invece azionista non

    – di Lino Terlizzi

    Le griffe italiane preparano lo sbarco a Piazza Affari

    Grandi manovre in corso per lo sbarco di alcune delle maggiori griffe italiane della moda a Piazza Affari. A scaldare i motori sono soprattutto Valentino e Furla, mentre Versace sta studiando la quotazione con più cautela. Nel frattempo le banche d'affari si stanno già muovendo. Sul fronte

    – di Carlo Festa

    Borsa Italiana, lo Star balza del 220% dal 2002

    Performance a tre cifre per il segmento Star negli ultimi 15 anni. Dal 2002 ad oggi il listino di Borsa Italiana ha messo a segno un +220 per cento. Ma il dato più impressionante è la sovraperformance rispetto al listino All Share: dal 2003 ad oggi è pari al 293 per cento. «Sul listino Star

    – Monica D'Ascenzo

    Valentino e Furla si preparano per il debutto a Piazza Affari

    Il lusso si prepara per lo sbarco in Borsa. Secondo indiscrezioni, fra la fine del 2017 e l'inizio del 2018, potrebbero sbarcare a Piazza Affari due tra i marchi italiani più noti nel fashion e negli accessori, cioè Valentino e Furla. Le banche d'affari, interessate a far parte del consorzio di coordinatori dell'offerta, starebbero in particolare sondando l'azionista di Valentino, cioè la holding Mayhoola che fa capo ai reali del Qatar. Una decisione definitiva non sarebbe ancora stata presa ...

    – Carlo Festa

    Mediaset-Vivendi, due ipotesi di compromesso

    Il dato di fatto è che al momento la parola sulla questione Mediaset-Vivendi è lasciata alle carte bollate. Saltata l'udienza, che era stata fissata per il 23 novembre, sulla richiesta da parte del Biscione di sequestro del 3,5% di Vivendi - pagamento in natura per il 100% di Premium e il 3,5% di

    – di Marigia Mangano e Antonella Olivieri

1-10 di 85 risultati