Parole chiave

Porcellum

È la legge elettorale approvata a fine 2005 firmata dall'allora ministro leghista Roberto Calderoli, denominata dal suo stesso autore "porcata" e Porcellum dal politologo Giovanni Sartori. Abbandona il sistema maggioritario, prevedendo un sistema proporzionale con premio di maggioranza, con l'assegnazione del 55% dei seggi alla prima coalizione, a prescindere dai voti ottenuti.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Sistema maggioritario | Porcellum | Roberto Calderoli | Giovanni Sartori |

Ultime notizie su Porcellum

    La spada di Damocle dei due referendum sulla legge elettorale

    Al momento della nascita del Conte 2 l'accordo M5s-Pd era per un proporzionale con soglia alta (5%). Ma nel corso delle settimane il segretario del Pd Nicola Zingaretti ha accarezzato l'idea di un sistema maggioritario a doppio turno nazionale tra le prime due coalizioni. Dopo il voto regionale in Umbria che ha visto la debacle dell'asse M5s-Pd il capo politico del Movimento Di Maio si è messo di traverso, più di quanto avesse già fatto in precedenza, spingendo per la soluzione proporzionalista

    – di Emilia Patta

    Non solo taglio dei parlamentari: ecco la mini-riforma di garanzia in 5 punti

    «Occorre ricordare che il programma di Governo prevede che l'approvazione definitiva della riforma sulla riduzione del numero dei parlamentari sia accompagnata contestualmente da un percorso per incrementare le opportune garanzie costituzionali e di rappresentanza democratica, assicurando il

    – di Emilia Patta

    Primo sì alla Camera al taglio dei parlamentari. La mini-riforma in 5 punti

    Il sì alla riforma fortemente voluta dal M5s che taglia di 345 unità il numero dei parlamentari è subordinata, per il Pd e Leu, a una serie di piccole modifiche costituzionali di garanzia, dalla formazione di circoscrizioni pluriregionalie non più solo regionali alla sfiducia costruttiva

    – di Emilia Patta

    Referendum anti-proporzionale, la politica delega ancora ai giudici

    Il tema della legge elettorale, nell'incapacità delle forze politiche di trovare un accordo di sistema che regga per tutti alle contingenze politiche come avviene in altri Paesi europei, è affidato all'iniziativa referendaria leghista e di conseguenza alla decisione dei giudici costituzionali sull'ammissibilità del quesito

    – di Emilia Patta

    Referendum e legge elettorale, binomio non sempre vincente

    La Lega ha depositato in Cassazione la richiesta di consultazione avanzata da 8 consigli regionali per un sistema maggioritario. Ma sulla materia finora solo le due consultazioni promosse da Segni nel '91 e nel '93 ebbero successo

    – di Riccardo Ferrazza

    Renzi, lo zaino e la fine del Pd «all'americana»

    Con la decisione dell'ex premier muore l'idea veltroniana del bipartitismo come compimento del bipolarismo, il sogno di semplificare la politica italiana partendo dai partiti. Ma cambiando contenitore non si cambiano i contenuti

    – di Francesco Prisco

    Consultazioni, perché il centrodestra va diviso al Colle

    Se è vero che il centrodestra unito governa regioni importanti come la Lombardia, il Veneto o la Liguria, è anche vero che a livello nazionale Forza Italia e Fdi hanno fatto opposizione al governo gialloverde, pur convergendo su alcuni provvedimenti come il decreto sicurezza e la legge sulla legittina difesa

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 1061 risultati