Parole chiave

Porcellum

È la legge elettorale approvata a fine 2005 firmata dall'allora ministro leghista Roberto Calderoli, denominata dal suo stesso autore "porcata" e Porcellum dal politologo Giovanni Sartori. Abbandona il sistema maggioritario, prevedendo un sistema proporzionale con premio di maggioranza, con l'assegnazione del 55% dei seggi alla prima coalizione, a prescindere dai voti ottenuti.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Sistema maggioritario | Porcellum | Roberto Calderoli | Giovanni Sartori |

Ultime notizie su Porcellum

    Tra maggioritario e proporzionale, quale legge elettorale per spingere il Pil?

    Come in ogni legislatura post Prima Repubblica, l'argomento della riforma della legge elettorale aleggia tra le commissioni parlamentari e sull'agenda di Governo. Non essendoci vincoli costituzionali, l'Esecutivo ha la quasi totale autonomia nella scelta della legge elettorale, che verrà dunque determinata dalla convenienza e dallo scenario politico. In queste ore la maggioranza ha deciso di accelerare sul pacchetto delle riforme costituzionali e sulla legge elettorale, con l'obiettivo di approv...

    – Accademia Politica

    Gualtieri candidato nel collegio-fortino della sinistra

    Il ministro dell'Economia proverà a prendere il seggio lasciato da Gentiloni dopo la nomina a commissario europeo. Lo sfiderà Maurizio Leo. Il precedente del duello tra Berlusconi e Spaventa nel '94

    – di Riccardo Ferrazza

    La spada di Damocle dei due referendum sulla legge elettorale

    Al momento della nascita del Conte 2 l'accordo M5s-Pd era per un proporzionale con soglia alta (5%). Ma nel corso delle settimane il segretario del Pd Nicola Zingaretti ha accarezzato l'idea di un sistema maggioritario a doppio turno nazionale tra le prime due coalizioni. Dopo il voto regionale in Umbria che ha visto la debacle dell'asse M5s-Pd il capo politico del Movimento Di Maio si è messo di traverso, più di quanto avesse già fatto in precedenza, spingendo per la soluzione proporzionalista

    – di Emilia Patta

    Non solo taglio dei parlamentari: ecco la mini-riforma di garanzia in 5 punti

    «Occorre ricordare che il programma di Governo prevede che l'approvazione definitiva della riforma sulla riduzione del numero dei parlamentari sia accompagnata contestualmente da un percorso per incrementare le opportune garanzie costituzionali e di rappresentanza democratica, assicurando il

    – di Emilia Patta

    Primo sì alla Camera al taglio dei parlamentari. La mini-riforma in 5 punti

    Il sì alla riforma fortemente voluta dal M5s che taglia di 345 unità il numero dei parlamentari è subordinata, per il Pd e Leu, a una serie di piccole modifiche costituzionali di garanzia, dalla formazione di circoscrizioni pluriregionalie non più solo regionali alla sfiducia costruttiva

    – di Emilia Patta

    Referendum anti-proporzionale, la politica delega ancora ai giudici

    Il tema della legge elettorale, nell'incapacità delle forze politiche di trovare un accordo di sistema che regga per tutti alle contingenze politiche come avviene in altri Paesi europei, è affidato all'iniziativa referendaria leghista e di conseguenza alla decisione dei giudici costituzionali sull'ammissibilità del quesito

    – di Emilia Patta

    Referendum e legge elettorale, binomio non sempre vincente

    La Lega ha depositato in Cassazione la richiesta di consultazione avanzata da 8 consigli regionali per un sistema maggioritario. Ma sulla materia finora solo le due consultazioni promosse da Segni nel '91 e nel '93 ebbero successo

    – di Riccardo Ferrazza

1-10 di 1063 risultati