Parole chiave

Piano Marshall

Fu uno dei piani politico-economici statunitensi per la ricostruzione dell'Europa dopo la Seconda guerra mondiale. Prese il nome dall'allora segretario di Stato Usa, George Marshall, che lo annunciò il 5 giugno del 1947. Il Piano terminò nel 1951

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | George Marshall | Piano Marshall | Il Piano | Stati Uniti d'America |

Ultime notizie su Piano Marshall

    Resia, 930 abitanti, sperimenta il primo piano comunale di ripresa e resilienza

    Un comune con meno di mille abitanti e un progetto concreto, replicabile, da esportare. Siamo a Resia, 931 abitanti, in Friuli-Venezia Giulia: un comune sparso con sede comunale nella frazione di Prato, in una valle prealpina nella parte nord-orientale della regione che conta cinque principali frazioni. E qui sanno bene quanto conti ogni servizio, ogni negozio, ogni scuola. Un luogo fatto anche di memoria: "La singolare lingua locale a tutt'oggi parlata, il resiano, è riconosciuta dall'Unesc...

    – Barbara Ganz

    Occupazione femminile, vietato mancare gli obiettivi del PNRR

    Post a cura dell'associazione Bussola Italia - Bussola Italia prosegue con le analisi del PNRR condotte dai propri gruppi di lavoro. Stavolta è il team Pari Opportunità di Bussola Italia, coordinato da Sonia Malaspina con Fausta Paolini e Gabriella Pappadà. Stefano Cianchi ha invece coordinato tutti i gruppi di lavoro di Bussola Italia. Nel 2019 l'occupazione femminile in Italia era al 53.1% del totale, molto inferiore a quella maschile, pari al 72,9%. Un dato che la collocava agli ultimi post...

    – Econopoly

    La lezione di De Gasperi, i debiti al posto dei capitali e l'anima da non perdere

    e Gasperi, non un turista della storia, ma uno statista, ancora il più grande della Repubblica. Nella Costituzione del 1947 si trova 70 volte la parola "Repubblica", 50 volte la parola "Stato", 3 volte la parola "Nazione", è del tutto assente la parola "Mercato"! Il prevalere della parola

    – di Giulio Tremonti

    L'Afghanistan, e il liberismo

    No, non è colpa del liberismo se l'occupazione dell'Afghanistan è finita male. E' stata una classica operazione militare, in cui si è tentato di colpire i gruppi terroristici talebani e, parallelamente, effettuare operazioni di peacekeeping nelle aree effettivamente controllate dagli alleati. Si è anche cercato di dar vita a uno stato nuovo e a ricostruire l'economia, creando un settore dei servizi e favorendo un'élite cittadina, nella speranza che trainasse - al momento opportuno - l'intero paes...

    – Riccardo Sorrentino

1-10 di 425 risultati