Parole chiave

Piano delle frequenze

Approvato nel giugno 2010 dall'Agcom prevede la realizzazione di 25 multiplex nazionali, sei dei quali destinati al dividendo "interno al sistema televisivo" e almeno 13 multiplex per area destinati alle emittenti locali, dai quali vanno sottratti i nove destinati alla gara per la banda larga. In alcune regioni il numero delle reti locali sale a 25, come per le nazionali. In alcune aree critiche (Veneto, Friuli, Emilia-Romagna) il Piano prevede 13 multiplex. Non rispettare i vincoli del Piano significa ridurre le coperture delle tv e la qualità della loro ricezione ai cittadini.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Telecomunicazioni | Multiplex | Agcom |

Ultime notizie su Piano delle frequenze

    Fondi e frequenze, l'autunno caldo delle tv locali (con un occhio alla Rai)

    Mala tempora currunt, sed peiora parantur. Se le tv locali si attendevano oggi qualche buona notizia dall'audizione del ministro dell'Economia Giovanni Tria davanti alla commissione di Vigilanza Rai, non potranno che essere rimaste deluse. Alle domande dei commissari sull'uso dell'extragettito derivante dal canone in bolletta Tria ha detto che «in base agli impegni previsti dal contratto di servizio a carico della Rai, devo considerare che il meccanismo di riparto dell'extragettito fiscale ces...

    – Andrea Biondi

    La Manovra 2018 parte con un carico di 56 decreti attuativi

    Ha appena iniziato il suo iter parlamentare e già parte con un bagaglio di 56 provvedimenti attuativi da varare. Tante sono le misure, tra decreti ministeriali, interministeriali e provvedimenti di agenzie governative, che dovranno essere attuate affinché la legge di bilancio 2018 possa esplicare

    – di A. Cherchi, A. Marini e M. Paris

    #Tv: alcune sommesse domanda su Agcom, Antitrust, Calcio, Rai e Frequenze

    Agcom, convegno Aeranti-Corallo e a seguire l'assemblea di Confindustria Radio-Televisioni al Teatro Argentina. Passati i due primi eventi, ci permettiamo di avanzare qualche sommessa domanda. 1) Qualcuno si è reso conto che il decreto Comunicazione è defunto? Doveva contenere misure per incentivare la banda larga ma anche norme sui canoni d'uso delle frequenze, un tetto ai multiplex delle tv nazionali, una revisione dei criteri per i finanziamenti pubblici a tv e radio locali. Che fine farann...

    – Marco Mele

    Intorno alla #tv: L'8 e il 9, Netflix, l'Agcom....

    , La tv sta cambiando, non ci sono più posizioni dominanti, non c'è più il duopolio: questo ritornello viene portato avanti, di convegno in convegno, da relatori interessati. Ma vediamo cosa sta succedendo. Sky ha capito che non può crescere oltre con la diffusione satellitare. E dopo i canali 26 e 27, sta conquistando anche l'8 grazie all'acquisizione di MTV Italia (un'altro grande affare dell'avventura di Telecom Italia nella tv, da Stream in avanti...). Il che vuol dire sfidare Rai e Medias...

    – Marco Mele

    La legge #Gasparri rivalutata? Piccoli appunti controcorrente....

    Dieci anni di legge Gasparri: sono aumentate concorrenza e pluralismo nel sistema televisivo italiano? Sembra che nel centro-sinistra vi sia chi ne scopre le opportunità e la positività. Qualcuno c'era già allora, ma anonimo: quelli che fecero mancare i numeri quado si tratto di votare l'incostituzionalità della legge alla Camera, per esempio... Qualche appunto, per non dimenticare... 1) La Gasparri contiene due limiti antitrust. Il primo, che vale "fino alla completa attuazione del Piano dell...

    – Marco Mele

    Industria televisiva al bivio cruciale

    L'industria televisiva italiana è a un bivio. Può scegliere la conservazione dell'esistente, della tv lineare, delle frequenze utilizzate, degli attuali

    #Frequenze #tv: sì alla gara. No a rottamazioni "privilegiate"...

    «Alcuni player dovranno liberare al più presto le frequenze che occupano». Antonio Catricalà, viceministro dello Sviluppo con delega alle Comunicazioni, aggiunge questa frase all'annuncio che il Bando e il Disciplinare per la gara delle tre frequenze nazionali riservate alle televisioni. Il parere di Bruxelles è arrivato dopo sei mesi di attesa e richiederebbe - perchè non lo si rende pubblico? La materia non è un "affare privato", ma ha rilevanza costituzionale - alcune modifiche al testo trasm...

    – Marco Mele

    #Frequenze tv: lo Stato prima le assegna poi paga per liberarle. Si procede a fari spenti,..

    L'Italia non ha una politica di valorizzazione del suo spettro frequenziale, quello che alcuni commissari Ue hanno definito il petrolio del terzo millennio. Negli Stati Uniti sono previsti 30 miliardi di dollari come proventi dalla gara sulle frequenze utilizzatesinora dalle tv, di cui 3 miliardi destinati a chi le lascerà. Le tv, quindi, sono i più accaniniti sostenitori della gara stessa. Da noi, in mancanza di una visione strategica, che vada oltre l'attuale decennio, sugli usi futuri delle f...

    – Marco Mele

1-10 di 47 risultati