Parole chiave

Piani di razionalizzazione

I «piani di razionalizzazione straordinaria» sono stati imposti dalla riforma Madia per tagliare le partecipazioni della Pa in società fuori regola perché estranee alle finalità istituzionali dell’ente o troppo piccole per rispettare i nuovi parametri. Il piano, presentato entro il 30 settembre 2017, aveva 12 mesi di tempo per essere l’attuato

Ultimo aggiornamento 29 novembre 2018

Ultime notizie su Piani di razionalizzazione

    Pa, così quest'anno ripartono assunzioni e contratti

    Per la Pubblica amministrazione il 2018 è l'anno della ripartenza per contratti e assunzioni. Anche perché ci sono 80 mila pensionamenti a cui far fronte, seppure nei limiti del turnover. Vincoli che però sono stati in larga parte superati nei Comuni e che saranno aboliti del tutto dal prossimo

    Pa: addio a 1650 società partecipate. I numeri

    Ministeri, enti pubblici, Regioni ed enti locali hanno messo in programma di abbandonare 1.650 su 4.701 partecipate dirette. Suona così il primo numero ufficiale sui piani di razionalizzazione che le Pa hanno dovuto approvare entro il 30 settembre, e comunicare entro il 10 novembre, alla struttura di controllo creata al ministero dell'Economia. Insieme alla Funzione pubblica, ieri via Venti Settembre ha reso noti i dati che confermano la tendenza a "tagliare" in pratica una partecipata su t...

    – Infodata

    Istat: in calo le partecipate, ma gli impiegati crescono del 4,3%

    Le unità economiche partecipate dal settore pubblico, al 2015, erano 9.655 con 882.012 addetti. Rispetto al 2014 sono meno numerose (-2,1%) ma con più addetti (+4,3%). Lo comunica l'Istat, che oggi ha diffuso il report sulle partecipate pubbliche in Italia, rapporto che quest'anno arriva in

    – di Redazione online

    In Liguria dismesse solo partecipazioni non rilevanti

    I Comuni capoluogo della Liguria sono alle prese con i piani di razionalizzazione delle partecipate, ma sembrano seguire un trend che vede avviate soprattutto dismissioni di partecipazioni e non particolarmente rilevanti. Osservando più da vicino le operazioni appare che, a Genova, a oggi,

    – di Raoul de Forcade

    Parmalat, scossa al vertice: Bernier nuovo ceo

    Cambio al vertice per Parmalat. Dopo sei anni alla guida, Yvon Guerin lascia, per ragioni personali, la carica di amministratore delegato e direttore generale di Parmalat. Al suo posto sarà nominato Jean-Marc Bernier, attuale ad di Gruppo Lactalis Italia (marchi Galbani, Invernizzi, Locatelli e

    – Flavia Carletti

    Società pubbliche: più di 50mila esuberi dalle ristrutturazioni

    Le ristrutturazioni già avviate sulle società partecipate dalla Pubblica amministrazione (Pa) hanno coinvolto più di 26.500 addetti, e gli obblighi di cessione scritti nella nuova riforma dovrebbero investirne almeno altri 19mila. Ma se i parametri fissati dal decreto attuativo della delega Madia saranno attuati pienamente, gli addetti coinvolti da fusioni, cessioni o liquidazioni potrebbero arrivare intorno a quota 150mila. Questi numeri, imponenti, puntano dritto all'aspetto più delicato del...

    – Infodata

    Cdm, via libera al «decreto sud». Primo sì al reddito di inclusione

    Primo via libera al decreto legislativo per l'attuazione della legge delega sul reddito di inclusione. Ok al cosiddetto decreto Sud con le norme per finanziamenti agevolati a giovani imprenditori e l'istituzione delle Zone economiche speciali (Zes) con benefici fiscali e semplificazioni per le

    – di Andrea Gagliardi

    Tempi più lunghi per recuperare gli integrativi illegittimi

    Arriva l'ennesimo intervento sui recuperi degli integrativi illegittimi riconosciuti negli anni passati ai dipendenti di alcune Regioni e di grandi Comuni (Firenze e Roma solo per fare due esempi). La regola generale, per evitare di chiedere direttamente al singolo dipendente la restituzione delle

    Roma, «sì» al contratto decentrato: debutta il premio alla struttura

    I 23mila dipendenti capitolini avranno il contratto decentrato, che vale 157 milioni di euro e introduce il meccanismo della «premialità di struttura» superando i premi a pioggia e la valutazione esclusiva della performance individuale dei lavoratori. A chiudere la pagina dell'atto unilaterale

    – di Manuela Perrone

1-10 di 78 risultati