Parole chiave

Patto di stabilitÓ UE

Nell'ambito del rafforzamento del Patto di stabilitÓ europeo definito a fine marzo dal vertice riunito a Bruxelles, si propone una regola numerica che impone ai paesi con debito superiori al 60% del Pil di ridurre lo scostamento del 5% ogni anno a partire dal 2015, pena l'apertura di una procedura di infrazione. Questa riduzione del debito źnon Ŕ drammatica, se cresciamo al 2%╗, ha sottolineato il governatore della Banca d'Italia Mario Draghi. Il dato emerge da uno studio econometrico realizzato in Via Nazionale e presentato recentemente dal vicedirettore generale Ignazio Visco. Per ora, tuttavia, l'Italia cresce a una velocitÓ che Ŕ poco sopra la metÓ rispetto all'ipotesi considerata da Bankitalia

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Pil | Patto di stabilitÓ | Banca d'Italia | Mario Draghi | Ignazio Visco |