Parole chiave

Past due

L'esposizione scaduta e sconfinata da più di 90 giorni (finora la scadenza era pari a 180 giorni) è definita "Past Due" e viene segnalata alla Centrale dei Rischi. Si tratta di una segnalazione grave che può aprire le porte alla posizione di incaglio. L'incaglio è indice di perdurante situazione di difficoltà, qualifica il cliente e non la singola linea di credito. Pregiudica fortemente il rinnovo delle linee di credito e l'accesso a nuovi affidamenti.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Linea di credito |

Ultime notizie su Past due

    Soluzioni a valenza sociale per uscire dai debiti generati dalla pandemia

    Nelle ultime settimane la morsa del Covid-19 si è finalmente allentata. La pandemia lascia però sul campo una situazione molto pesante per l'economia globale e anche in Europa le previsioni sono tutt'altro che rassicuranti. Stando a recenti rapporti dello Ersb e della Bce, i timori principali

    – di Antonella Sciarrone Alibrandi e Alessandra Smerilli

    Allarme banche: 79 miliardi di crediti incagliati in portafoglio

    C'è una società che ha ottenuto un finanziamento ipotecario nel 2012 per costruire immobili a Padova nord: il prestito avrebbe dovuto essere rimborsato in poco tempo, entro il 2014, ma non è stato onorato. C'è un gruppo ormai in liquidazione, che da 5 lunghi anni non paga una singola rata del

    – di Luca Davi e Morya Longo

    Npl e banche, a che punto siamo? Spoiler: abbiamo un mercato (e non solo)

    L'acronimo NPL, ossia "Non Perfoming Loans", è diventato uno dei mantra di questi anni: croce e delizia degli operatori finanziari, simbolo della crisi, ma anche opportunità di mercato per nuovi soggetti, siano essi investitori alla ricerca di nuovi assets profittevoli, o gestori professionali di posizioni incagliate. In effetti, non si tratta di un fenomeno nuovo, anche se nuove sono le modalità con cui viene gestito. A tal riguardo vorrei raccontare quel che mi successe esattamente 15 anni fa...

    – Leonardo Dorini

    Npl, il 2018 punta a 70 miliardi di cessioni

    La svolta si avvicina per la gestione dei crediti deteriorati delle banche italiane (Npl), che raggiungeranno a fine anno quota 250 miliardi di euro, contro i 324 miliardi di fine 2016. E' la stima di Pwc basata su dati pro forma, resa nota in occasione della presentazione di "The Italian Npl

    Ancora effetto Bce sul comparto creditizio. Pesante Ubi, tiene Unicredit

    Continua la debolezza del settore bancario, con le vendite partite ieri dopo la diffusione del documento consultivo della Bce sui crediti deteriorati che hanno fatto scattare i realizzi, dopo i recenti massimi toccati dal comparto. A Milano la peggiore è Ubi Banca, seguita da Bper , Banco Bpm e

    – di Chiara Di Cristofaro

    Crif-Nomisma, fallimenti quasi sconosciuti nel vino italiano

    Dati congiunturali positivi con crescita dell'export e tenuta dei consumi interni non potevano non riflettersi positivamente sugli indici di rischiosità del settore. E' quanto emerge dai dati di Crif Ratings elaborati da Wine monitor Nomisma, dai quali emerge che i tassi di default nel settore vinicolo italiano risultano ampiamente al di sotto della media registrata per l'intera industria alimentare e delle bevande. Ciò è evidente sia con riferimento a incagli e sofferenze bancarie (meglio noto ...

    – Emanuele Scarci

1-10 di 25 risultati