Parole chiave

Openreach

Nel settembre 2005 l’Ofcom, (acronimo di Office of Communications), l’autorità competente e regolatrice indipendente per le società di comunicazione nel Regno Unito, ha imposto lo scorporo della rete a British Telecom (BT), creando una divisione completamente separata a livello operativo (sebbene non a livello proprietario), denominata Openreach, il cui compito è di vendere l'accesso all'ingrosso sia alla divisione retail di BT, sia anche ai concorrenti. Openreach è operativa dal gennaio del 2006.

Ultimo aggiornamento 05 ottobre 2017

Ultime notizie su Openreach

    BT: Burger (ceo Global division), «nostro modello di rete funziona, la futura crescita passa da cloud e cybersecurity»

    Il modello di rete Openreach, che è una controllata al 100% di BT, è, al netto della realizzazione dei piani di Tim, quello con la più ampia separazione in Europa tra infrastruttura e incumbent. ... Siamo incoraggiati dal fatto che Ofcom (l'autorità di regolamentazione britannica) riconosce i progressi che Openreach sta facendo come azienda, come sottolineato nel recente rapporto della Openreach Monitoring Unit e, in particolare, come i loro straordinari ingegneri hanno risposto alla pandemia del...

    – di Simona Rossitto

    Per il Regno Unito un futuro di pazze spese

    Esiste ormai un'era pre e post referendum sulla Brexit. Certamente ciò vale per il Regno Unito, ma anche in buona parte nel resto del mondo, con l'ascesa del nazional-populismo. Dopo il fatidico giugno del 2016 tutto pare finito sottosopra. La destra dei Tory ha preso il controllo del Governo conservatore? Si, ma quale? Quella di una volta, Thatcheriana, dei tagli alla spesa pubblica, delle privatizzazioni spinte, certamente patriottica ma aperta all'Europa, ideologicamente rigida ma aperta alle...

    – Marco Niada

    Boris-economy, perché le proposte di Johnson fanno sobbalzare Londra (e la Ue)

    L'ex sindaco di Londra è il nuovo premier britannico. Ma i suoi primi annunci stanno creando qualche preoccupazione anche fra gli stessi compagni di partito: dall'apertura a una Brexit no-deal ai super-sconti fiscali per la popolazione più ricca, fino al sogno di una «banda ultralarga per tutti» con otto anni di anticipo rispetto alle stime

    – di Alberto Magnani

    La rete unica e i nuovi intrecci azionari

    «Lo Stato non sta prendendo il controllo di Tim. Riteniamo che una rete unica separata e neutrale corrisponda all'interesse generale. Pensiamo che un modello public company sia preferibile ad un controllo che ha mostrato limiti». E' perentorio, secco, sintetico il tweet di Carlo Calenda. Con

    – di Franco Debenedetti

    Elliott all'attacco chiede revoca di 6 amministratori Telecom: ma manca l'Ad Genish. Gli analisti: contesa utile per il titolo

    Sorpresa nella richiesta di integrazione dell'ordine del giorno dell'assemblea Telecom del 24 aprile da parte di Elliott. Nella lista per la revoca dei 6 amministratori inviata dal fondo americano manca infatti il nome dell'amministratore delegato Amos Genish. Elliott dunque formalizza lo scontro con Vivendi in vista dell'assemblea, ma per ora non chiede la revoca del capoazienda. Telecom ha infatti ricevuto da Elliott International LP, Elliott Associates LP e The Liverpool Limited Partnership...

    – Carlo Festa

    Per la Netco di Telecom alla portata 6,5 miliardi di ricavi

    R&S-Mediobanca esce con lo studio dei numeri delle tlc, in un momento che non poteva essere più di attualità. Oggi per Telecom Italia è d'attualità il dibattito sul destino della rete d'accesso, che l'incumbent ha deciso di conferire in una società ad hoc nell'ambito di un processo di separazione

    – di A.Ol.

    Rete, l'opzione volontaria per evitare separazione forzata

    Le sensazioni positive del primo incontro tra il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda e il nuovo amministratore delegato di Tim, Amos Genish, riportate pubblicamente dopo circa un'ora di conversazione in inglese, sono più di una formula di rito.

    – di Carmine Fotina

    Per Tim l'obbligo di un comitato di sicurezza

    Gli obblighi del «golden power» su Vivendi riguarderanno anche Tim oltre a Telecom Sparkle e Telsy, come anticipato dal Sole 24 Ore del 14 ottobre. Lo ha deciso ieri il consiglio dei ministri. Dovrà essere previsto un componente di gradimento dell'esecutivo da nominare nei cda di Tim e delle

    – di Celestina Dominelli e Carmine Fotina

1-10 di 52 risultati