Parole chiave

Opec

L’Opec è l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Organization of the Petroleum Exporting Countries).Fondata nel 1960, comprende tredici Paesi che si sono associati, formando un cartello economico, per negoziare con le compagnie petrolifere aspetti relativi alla produzione di petrolio, prezzi e concessioni. La sede dell’Opec dal primo settembre 1965 è a Vienna (prima era a Ginevra).

Gli stati membri Opec controllano circa il 78% delle riserve mondiali di petrolio, il 50% di quelle di gas naturale e forniscono circa il 42% della produzione mondiale di petrolio e il 17% di quella di gas.

Ultimo aggiornamento 03 dicembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Materie prime | Opec | Stati Membri |

Ultime notizie su Opec

    Export, la Germania affonda il made in Italy

    Ad agosto -3,4% per l'export, con la Germania a ridurre gli acquisti del 7,5%, penalizzando in particolare le filiere dei nostri componentisti di meccanica ed elettronica. Balzo della farmaceutica negli Stati Uniti

    – di Luca Orlando

    Petroliera iraniana in fiamme, il mercato resta prudente

    Un nuovo misterioso incidente a una petroliera - questa volta battente bandiera iraniana - complica la trama sempre più pericolosa delle relazioni mediorientali. Ma le quotazioni del barile ancora una volta non si infiammano, benché il rischio geopolitico sia a livelli di guardia come non accadeva

    – di Sissi Bellomo

    Perché i focolai di crisi in Medio Oriente non infiammano il petrolio

    L'incidente alla petroliera iraniana ha un effetto limitato sulle quotazioni. Il Brent dopo la fiammata di oltre 2 punti percentuali seguita alla notizia di una petroliera iraniana in fiamme nel Mar Rosso, ha ridimensionato la sua corsa. Restano ancora dubbi, però, su quanto accaduto oggi nelle prime ore dell'albaalla nave Suezmax.

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, Opec e Russia valutano ulteriori tagli produttivi

    Di fronte all'indebolirsi della domanda di petrolio - e con il prezzo del barile stagnante - l'Opec e i suoi alleati si apprestano a continuare i tagli di produzione per il quarto anno consecutivo e forse addirittura a renderli più drastici. Per il vertice del 5-6 dicembre «tutte le opzioni sono aperte», ha affermato il segretario generale dell'Organizzazione, Mohammad Barkindo

    – di Sissi Bellomo

    Le aperture di Trump sulla Cina riaccendono le Borse. A Piazza Affari (+1%) corre Unicredit

    Il presidente Usa ha detto che incontrerà venerdì il vicepremier cinese, smentendo indiscrezioni su una rottura dei negoziati. In Europa gli acquisti si sono concentrati su banche, auto, industriali. Acquisti anche sui titoli del lusso dopo i dati di ieri del colosso francese Lvmh. Petrolio in rialzo dopo il report Opec. Spread chiude in rialzo di un punto a 154

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Petrolio indifferente di fronte ai mille focolai di rischio geopolitico

    Dopo aver frettolosamente archiviato gli attacchi in Arabia Saudita, il mercato petrolifero è rimasto freddo anche di fronte all'offensiva turca in Siria, che infiamma ulteriormente lo scacchiere mediorientale. Non solo. Da giorni l'Iraq - secondo produttore dell'Opec - è scosso da violenze che hanno fatto oltre cento morti. E i disordini in Ecuador hanno messo fuori uso un quinto della produzione di greggio del Paese

    – di Sissi Bellomo

    Aramco promette 75 miliardi di dividendi, Fitch taglia il rating di Riad

    Settantacinque miliardi di dollari di dividendi. E' questa la promessa di Saudi Aramco per l'esercizio 2020, il primo in cui il gigante petrolifero potrebbe essere quotato in borsa, visto che Riad sta preparando il debutto sul listino locale entro fine anno. L'ennesimo roboante annuncio tuttavia non

    – di Sissi Bellomo

    Greta Thunberg: «I miei superpoteri per cambiare le sorti del mondo»

    Greta parla all'Assemblea Generale dell'Onu dei capi di stato e di governo: «Non bisogna ascoltare me ma quello che dicono gli scienziati. Bisogna ammettere che quello che è stato fatto finora non è stato sufficiente e che c'è un'emergenza climatica: da 12 anni i politici parlano di ridurre le emissioni ma non fanno niente»

    – di Riccardo Barlaam

    Petrolio, la corsa (a ostacoli) dei sauditi per riattivare la produzione

    Il ministro saudita dell'Energia nella prima conferenza stampa dopo gli attacchi di sabato ha provato a rassicurare il mercato e il Brent ha ritracciato parte del rialzo record di lunedì. Ma fonti del Sole 24 Ore hanno constatato che i danni agli impianti sono in realtà «molto gravi» e richiederanno «diversi mesi di lavoro». Nel frattempo Riad sarà costretta a sfruttare la capacità di riserva dei giacimenti, privando se stessa - e il mondo - di un "cuscinetto" prezioso per rispondere a eventua...

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, l'Opec promette rigore nei tagli. L'Aie: con lo shale «sfida spaventosa»

    Iraq e Nigeria hanno promesso di rimettersi in riga con le quote di produzione, ritirando dal mercato oltre 300mila barili di greggio al giorno entro ottobre. Ma lo shale oil americano continua a correre: a giugno gli Usa sono temporaneamente diventati i primi esportatori al mondo tra petrolio e derivati. E l'Agenzia internazionale per l'energia avverte: per l'Opec difendere i prezzi sarà una sfida «spaventosa»

    – di Sissi Bellomo

1-10 di 1963 risultati