Parole chiave

Ocse

L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico è un'organizzazione internazionale di studi economici per i Paesi membri, aventi in comune un sistema di Governo di tipo democratico e un'economia di mercato (la Cina non ne fa parte). L'organizzazione svolge prevalentemente un ruolo di assemblea consultiva per la risoluzione dei problemi comuni, l'identificazione di pratiche commerciali e il coordinamento delle politiche locali e internazionali dei Paesi membri. L'Ocse conta 34 Paesi membri e ha sede a Parigi. L'organismo fu fondato nel 1948, inizialmente come Organizzazione per la cooperazione economica europea, nell'ambito del Piano Marshall. Nel 1960 si giunse, a Parigi, a una nuova convenzione da cui nacque l'Ocse, con l'adesione, tra gli altri, di Canada e Usa e poi Giappone.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Paese membro | Ocse | Parigi | Stati Membri |

Ultime notizie su Ocse

    Un nuovo contratto sociale per la società del XXI secolo tra necessità di governance ed intelligenza collettiva

    Una realtà complessa ed interconnessa quella che fa da sfondo alla necessità di un nuovo contratto sociale che possa essere il nuovo collante di una società ad elevata precarietà, a livello politico, giuridico e sociale. Il leitmotiv che informa il White Paper del World Economic Forum dell'Aprile del 2019 segnala, propriamente, la necessità di cooperazione globale; plasmare, come un demiurgo, una nuova architettura globale nell'era della IV Rivoluzione industriale contemplando nuovi modelli di p...

    – ADAPT

    Il fastidioso caso delle coperture di bilancio

    E per venire a tempi più recenti (passando per i tanti "tesoretti" spuntati di frequente: nel 2007, ai tempi del Governo Prodi, quando l'Ocse suggeriva di destinarlo a riduzione del debito, o nel 2015, quando ne riapparve un altro col Governo Renzi) alla riforma costituzionale del 2012, come non ricordare che la legge parla di "pareggio di bilancio" nel titolo mentre nel testo la formula, con lessico più largheggiante, è quella dell'"equilibrio di bilancio"?

    – di Guido Gentili

    Armi, la Svizzera vota sì alle restrizioni e recepisce la direttiva Ue

    Passano in Svizzera le restrizioni sulle armi, viene evitata la rotta di collisione con l'Unione europea. Nella votazione popolare di oggi si è registrata una maggioranza superiore alle previsioni sul recepimento nel diritto svizzero della modifica alla direttiva Ue sulle armi. A scrutinio quasi

    – di Lino Terlizzi

    Borse strette tra dazi e Brexit, con un occhio alle elezioni europee

    I mercati finanziari sono in un corridoio tra la guerra dei dazi e la Brexit, che nelle scorse sedute hanno ripreso possesso dei parterre internazionali, e le elezioni europee, in programma nel fine settimana. In attesa di sviluppi nelle trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina e dell'esito

    – di Marzia Redaelli

    La Svizzera vota per mettere al bando le armi semiautomatiche

    Un adeguamento della legge elvetica sulle armi divide gli svizzeri, che questa domenica voteranno sulla questione. Il fatto è che nella vicenda si confrontano non solo pareri diversi sulle armi, ma anche sui rapporti con l'Unione europea. Sì, perché ciò che il Governo elvetico e la maggioranza del

    – di Lino Terlizzi

    Senza equità e conti in ordine crescita e welfare sono a rischio

    La solidità dello Stato sociale si basa su due pilastri: l'equità "orizzontale" del carico e dei benefici fiscali e la stabilità dei conti pubblici. Il primo principio significa che i cittadini nella stessa situazione economica devono essere trattati dal fisco nello stesso modo, e la stabilità dei

    – di Pietro Reichlin

    Asvis: tra i G7 l'Italia registra il maggior calo in aiuti allo sviluppo

    L'Italia è il Paese del G7 che nel 2018 ha registrato il calo più significativo negli aiuti allo sviluppo rispetto al 2017: il 15% in meno. Una riduzione legata in buona parte alla ridotta spesa per l'accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo. La segnalazione è arrivata dall' Asvis, l'Alleanza

    – di Nicoletta Cottone

    L'orario di lavoro? Corte Ue: imprese obbligate a registrarlo ogni giorno

    L'orario di lavoro dei dipendenti? Va misurato in modo «oggettivo, affidabile e accessibile» ogni giorno e per ciascun lavoratore. A stabilirlo è la massima autorità europea in materia di giustizia: la Corte Ue ha deciso che gli Stati membri devono introdurre l'obbligo per i datori di lavoro di

    – di Fr.Ba.

1-10 di 5853 risultati