Parole chiave

Ocm vino

La riforma dell'Organizzazione comune di mercato del vino del 2008 stanzia a favore dell'Italia oltre 336 milioni di euro l'anno. Le risorse sono dirette alla ristrutturazione dei vigneti (140 milioni l'anno) e agli investimenti in cantina (45 milioni). Oltre 100 milioni sono destinati a cofinanziare (al 50%) le spese sostenute per promuovere il v ino sui mercati extra-Ue partecipando a fiere ed eventi di settore. Possibile effettuare anche azioni di incoming per portare in Italia buyer e opinion leader stranieri .

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Fiere | Mozione | Camera dei deputati | Senato | Vino | Italia |

Ultime notizie su Ocm vino

    In arrivo 94 milioni per gli allevamenti e 20 per la pesca

    La Conferenza Stato-Regioni ha raggiunto l'intesa sui decreti di competenza del ministero delle Politiche agricole riguardanti il Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura, l'Ocm (Organizzazione unica di mercato) Vino per la promozione istituzionale

    Sicilia, pubblicata graduatoria Ocm Vino

    Sono 21 i progetti approvati a valere sulla misura "Promozione sui mercati esteri" per un valore totale di 12,7 milioni. Doc Sicilia: imbottigliato in calo del 5 per cento

    – di Nino Amadore

    Il Primitivo, un grande vino d'Italia e la commedia degli equivoci tra regioni

    Much ado about nothing. Molto rumore per nulla, farebbe dire il bardo di Stratford-upon-Avon ai suoi allegri compari di taverna dell'epoca, chiamati a interpretare sul palcoscenico storie di vini e dintorni dell'Italia dell'oggi. Ne colgo il senso, per dire del braccio di ferro in atto tra le regioni Puglia e Sicilia che, sulle opportunità produttive del Primitivo, hanno imbastito un vivace battibecco in remoto, come si usa al tempo di coronavirus, che comunque pone interrogativi. E questo anche...

    – Nicola Dante Basile

    Vinitaly: dopo anni di Cina, quest'anno focus sugli Usa (che rallentano)

    Quest'anno Vinitaly punta sugli Stati Uniti. Dopo qualche anno di attenzione sul gigantesco mercato cinese, il focus Paese torna su un mercato occidentale, maturo. Certo, il primo mercato al mondo a valore e probabilmente anche il più aperto.

    – di Emanuele Scarci

    La Brexit costa cara al vino italiano: tagli per 52 milioni l'anno

    La Brexit rischia di avere un impatto pesante per il vino europeo e per quello italiano in particolare. Con penalizzazioni maggiori di quelle invece previste per l'agricoltura europea nel suo complesso. E' quanto emerge da uno studio effettuato dal Ceev (Comité européen des entreprises vins, ovvero

    – di Giorgio dell'Orefice

    Tra i vigneti esplode il caso degli affitti "fittizi"

    Tra i vigneti esplode il caso degli affitti "fittizi". Un escamotage messo in piedi per spostare autorizzazioni all'impianto (le licenze che occorre detenere assieme alla proprietà dei terreni per produrre vino) da regioni nelle quali i vigneti vengono abbandonati ad aree nelle quali, invece, sulla

    – di Giorgio dell'Orefice

1-10 di 59 risultati