Parole chiave

Non-preferred senior bond

È uno strumento di debito introdotto in Francia ma che non esiste ancora in Italia e che, nella scala gerarchica degli asset soggetti a bail-in, ossia il salvataggio interno di una banca in crisi , si inserisce tra i prestiti subordinati e i senior bond. In caso di fallimento di una banca, si creerebbe dunque una sorta di “cuscinetto”, dopo il capitale e i bond subordinati, verrebbero azzerati i nuovi bond questo modo quindi assorbono le perdite prima delle obbligazioni senior che in Italia sono collocate per grandi quantità anche presso gli investitori privati retail: lo strumento del non-preferred senior bond al momento manca in Italia e in molti Paesi europei, mentre c’è già in Francia. Le banche francesi hanno emesso già finora 15 miliardi di non-preferred senior bond “alla francese”, il 55% denominati in euro, e il Crédit Agricole stima che questo mercato in Europa potrebbe raggiungere una dimensione fino a 300 miliardi di euro.quelle «non preferred». Si creerebbe così un “cuscinetto” di obbligazioni nuove, tale da proteggere le vecchie obbligazioni «senior» e i conti correnti anche sopra i 100mila euro. In caso di fallimento di una banca, infatti, dopo il capitale e i bond subordinati, verrebbero azzerati i nuovi bond «

Il Sole 24 Ore - leggi su http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2016-02-20/nel-bilancio-banche-francia-203847.shtml?uuid=AC8wX4YC&nmll=2707

Ultimo aggiornamento 21 maggio 2017

Ultime notizie su Non-preferred senior bond

    UniCredit, la controllata turca valuta un bond da un miliardo di dollari

    La Turchia continua ad essere una spina nel fianco per UniCredit e il suo ceo Jean-Pierre Mustier. Dopo che nel terzo trimestre la banca di piazza Gae Aulenti è stata costretta a svalutare per 846 milioni la quota (40%) detenuta in Yapi Kredi, la banca controllata a Istanbul, ora il gruppo potrebbe

    – di Luca Davi

    Spread BTp-Bund, alle banche costerà oltre un miliardo nel 2019

    In modo subdolo, sotterraneo e indiretto, sono mille i modi con cui il rincaro dello spread tra BTp e Bund sta facendo danni in Italia. Unicredit in questi giorni ha dato l'ennesima dimostrazione. Il gruppo ha emesso un bond «senior non preferred» come aveva fatto lo scorso gennaio. Il punto è che

    – di Morya Longo

    UniCredit trova Pimco per il suo maxi-bond ma il conto è salato

    Ieri Unicredit ha collocato un maxi bond da 3 miliardi di dollari a Pimco. Dietro all'operazione, piuttosto insolita, c'è una buona e una cattiva notizia per le banche italiane: il mercato delle obbligazioni non è chiuso (la prima) ma per entrarci bisogna pagare un prezzo alto (la seconda),

    – di Marco Ferrando

    Banche, bond «cuscinetto» al debutto con un paradosso (legislativo)

    Li hanno ribattezzati bond «cuscinetto» per quella loro attitudine di inserirsi in una posizione intermedia fra le obbligazioni emesse da istituti finanziari che garantiscono il maggior grado di tutela nei confronti dell'investitore (senior) e quelle che invece contengono condizioni potenzialmente

    – di Maximilian Cellino

    Le banche si preparano ai «senior non-preferred»

    La novità per il mercato delle obbligazioni finanziarie saranno i bond senior non-preferred, una nuova asset class, prevista dalla legge finanziaria che il mercato aspetta da tempo, già utilizzati in Francia e Spagna. E' uno strumento di debito che, nella scala gerarchica degli asset soggetti a

    – di Mara Monti

    E' corsa all'emissione di bond: in Italia collocamenti a 65 miliardi

    Sarà un primo trimestre di fuoco per il mercato delle obbligazioni corporate: con le elezioni in calendario il prossimo marzo, le aziende cercheranno di fare funding il prima possibile per evitare fasi di volatilità dei mercati. Ai corporate si aggiungeranno anche le banche che si potrebbero

    – di Mara Monti

    Risparmio, al via i bond bancari «cuscinetto» in caso di bail-in

    Mifid2 non è certo l'unica novità che le banche dovranno affrontare con l'arrivo del nuovo anno: la Legge di bilancio 2018 in approvazione prevede infatti l'introduzione di una nuova classe di obbligazioni che gli istituti di credito potranno emettere per finanziare il proprio debito. Si tratta dei

    – di Maximilian Cellino

    Il rilancio dei «covered bond» per risparmiatori e famiglie

    Si apre una nuova stagione per i "covered bond" bancari, le emissioni obbligazionarie garantite dagli attivi di una banca, in genere mutui ipotecari o crediti verso la Pa. Queste emissioni obbligazionarie saranno, a partire probabilmente dal prossimo anno, lo strumento privilegiato dagli istituti

    – di Laura Serafini

    Enrìa (Eba): volume dei crediti deteriorati ancora eccessivamente elevato

    Andrea Enrìa, presidente dell'Autorità bancaria europea (Eba) durante un'audizione alla Commissione Finanze del Senato ha sottolineato chenon si può tornare al bailout per tutti. Una politica di sostegno pubblico implicito o esplicito, ha spiegato, « genera una connessione perversa tra la stabilità

    Bail-in, banche al lavoro sui nuovi bond

    La via italiana per il salvataggio delle banche venete ha privilegiato la liquidazione coatta per evitare il coinvolgimento nel bail in dei tanti investitori istituzionali e retail ai quali erano stati venduti i bond delle banche. Tra le maggiori implicazioni che sono state valutate, dunque, c'era

    – Laura Serafini

1-10 di 15 risultati