Parole chiave

No taxation

Lo slogan «No taxation without representation» fu utilizzato per la prima volta nel 1775 dalla Virginia, una delle 13 colonie britanniche in terra americana, per protestare contro l'introduzione di nuove tasse da parte inglese senza tenere conto delle assemblee locali e per rivendicare la rappresentanza dei propri interessi al Parlamento di Londra. Solo un anno dopo, il 4 luglio 1776, la Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Slogan | Virginia | Londra |

Ultime notizie su No taxation

    Difficoltà di visione per l'Arabia Saudita

    La pandemia e gli effetti del lockdown si sono abbattuti sulle casse saudite già impoverite dal ribasso del greggio Ma più ancora della situazione sanitaria, a preoccupare il principe sembra ora il ritardo con cui potrebbe partire il piano di sviluppo per diversificare l'economia. La Vision 2030, la riforma manifesto per la modernizzazione, potrebbe diventare una Vision 2040

    – di Paola Stringa

    Le ambizioni federaliste di un'Europa asimmetrica alla prova del fuoco

    L'autore di questo post è Eraclito, pseudonimo che un "umile servitore dello Stato", esperto di economia e finanza, soprattutto in ambito internazionale, ha scelto per scrivere con maggior libertà - La crisi economica scatenata dalla pandemia da Covid19 è radicalmente diversa dalle precedenti non solo per il suo impatto sull'economia ma anche per i meccanismi con cui si è materializzata. Questi ultimi fanno sì che la reazione di politica economica non può che essere incentrata sulla politica fi...

    – Econopoly

    MES, conoscere per deliberare invece dell'inutile guerra civile ideologica

    Da diversi giorni tiene banco sui media nazionali una "guerra civile ideologica" sul Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) senza alcun senso. Fanatici di entrambe le fazioni si scambiano reciproche accuse di tradimento della patria nel caso il governo dovesse fare, o non fare (a seconda della posizione), ricorso al MES. Una parte dello schieramento politico sostiene che fare ricorso al MES, equivarrebbe spalancare le porte alla troika e quindi perdere quel residuo di sovranita' di politica econo...

    – Brunello Rosa

    Perché è giusto il diritto di voto ai sedicenni

    Rafforzare il ruolo delle nuove generazioni nelle scelte collettive aiuterebbe a compensare gli effetti della loro riduzione di consistenza demografica sul peso elettorale, a fronte dell'aumento della popolazione anziana

    – di Alessandro Rosina

    Senza risorse proprie l'Europa non si fa

    Le elezioni per il Parlamento europeo del prossimo maggio stanno dando vita una nuova frattura politica, quella tra sovranisti ed europeisti. Finora, il Parlamento europeo si era strutturato intorno alla frattura (tipica dei parlamenti nazionali) che oppone i partiti del centro-destra ai partiti

    – di Sergio Fabbrini

    Autonomia delle regioni? Solo con tasse locali

    «Nessuna tassa se non c'è una rappresentanza», tuonavano i coloni americani quando avviarono la rivolta che li portò all'indipendenza dal Regno Unito alla fine del XVIII secolo (no taxation without representation).

    – di Innocenzo Cipolletta

    Petropolitics revolution: il picco della domanda e il prezzo fatto da chi compra

    L'autore di questo post, Raffaele Perfetto, ha acquisito esperienza decennale in ambito Oil & Gas con una Major Oil Company. Ha conseguito un MBA in Oil & Gas Management nel 2016. Scrive preferibilmente di energia e geopolitica - Di recente il centro studi energetici dell'università di Oxford (OIES) ha pubblicato un rapporto (1) sul picco del petrolio e le dinamiche di prezzo a lungo termine. Fino a qualche anno fa si pensava che ad un certo punto il petrolio sarebbe finito per la difficoltà di...

    – Econopoly

    Ma il bitcoin è veramente il nulla, come si sente dire in giro?

    Domenica ho postato su Facebook un lungo articolo dell'economista Paolo Savona, molto critico nei confronti del bitcoin e della corsa all'oro che si è scatenata nelle ultime settimane, facendo volare la quotazione sino verso la soglia dei 20mila dollari. E mi ha sorpreso, ma fino a un certo punto, che ne sia nata un'accesa discussione, per alcuni versi molto stimolante, che probabilmente produrrà qualche nuovo post per Econopoly. Intanto, però, come ho iniziato a fare con questo thread di Aless...

    – Alberto Annicchiarico

    L'Europa in deficit di scelte e democrazia

    La crisi economico-finanziaria di questi anni ha riacceso la polemica tra chi trae lo spunto dai suoi effetti negativi e dalla Brexit per trovare nuovi motivi di sfiducia nell'Europa come unione federale di Stati e chi, invece, ritiene che essa sia una preziosa occasione per accelerare l'evoluzione

    – di Franco Gallo

    Apple - Ragioni morali, dubbi giuridici della scelta della Commissione

    La decisione della Commissione europea di imporre ad Apple di rimborsare al governo irlandese 13 miliardi di euro di tasse non versate è una scelta che da un punto vista morale è più che comprensibile. In una ottica politica e legale, i dubbi sono invece leciti. Da un punto di vista morale, Apple e Dublino hanno agito con pochi scrupoli. Si sono accordati per dare la possibilità alla società americana di pagare un ammontare limitatissimo di tasse sul fatturato dell'azienda non solo irlandese ma ...

    – Beda Romano

1-10 di 44 risultati