Parole chiave

Neet

L’acronimo «Neet» sta a indicare persone «Not in education, employment or training», cioè giovani che contemporaneamente non sono inseriti in un percorso scolastico o formativo e non sono impegnati in un’attività lavorativa. Secondo gli ultimi dati dell’Istat, il fenomeno dei ragazzi 15-24 anni «Neet» interessa circa 1,3 milioni di persone, circa il 20% della popolazione di questa fascia d’età, percentuale che supera il 30% in alcune delle più importanti regioni del Mezzogiorno, come Campania, Calabria e Sicilia

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Demografia | Istat | Sud |

Ultime notizie su Neet

    L'Emilia studia il grande Politecnico regionale

    Nei cinque anni di legislatura e di vigenza del Patto per il lavoro, la Giunta Bonaccini è riuscita anche a ridurre del 4% la quota di Neet (oggi al 15,8%), ad aumentare del 3% la scolarizzazione (l'85% dei giovani ha una qualifica) e a ridurre la disoccupazione sotto il 5%.

    – di Ilaria Vesentini

    Lavoro: più occupati, ma vince il part-time

    L'occupazione è tornata ai livelli pre-crisi. Ma ci sono 867mila lavoratori a tempo pieno in meno e quasi 1,2 milioni di tempo parziale in più. Per i giovani il part-time involontario sale del 71,6%

    – di Cl.T.

    Disoccupazione e «Neet» in Europa, il decennio di crisi dei ragazzi italiani

    Percentuali di disoccupazione giovanile in aumento, incremento dei giovani che restano al di fuori del mercato del lavoro e dal mondo della scuola: è l'onda lunga della crisi del 2008 che si è abbattuta sulla generazione più giovane. Ragazzi e ragazze tra i 15 ed i 24 anni che, tra il 2009 ed il 2018 hanno visto accrescere le proprie difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro

    – di Riccardo Saporiti

    Giovani e lavoro, cosa ne sarà dell'Italia fra 10 anni

    L'Italia ha già perso 250mila giovani nell'ultimo decennio, il tasso di disoccupazione resta sopra i livelli di guardia e i millennial si riscoprono sempre più poveri. La reazione della politica? Al momento, nulla. Ecco cosa stiamo rischiando

    – di Alberto Magnani

    Giovani

    CHI VINCE

    Il percorso virtuoso di sviluppo che il Sud non riesce a imboccare

    Il risanamento della frattura tra Sud e Nord del Paese è parte rilevante della riduzione dei divari tra l'Italia e il resto d'Europa. Il premier Conte è intervenuto varie volte dopo l'avvio del nuovo governo per ribadire che il rilancio delle regioni del Mezzogiorno è uno degli impegni principali

    – di Alessandro Rosina

    Lo sviluppo passa dalla ripresa degli investimenti

    La percezione che, in questi ultimi anni, un gruppo ristretto di regioni sia il motore dello sviluppo economico italiano è oramai diffusa, soprattutto nel Nord del Paese. In queste regioni si sono concentrate crescita e occupazione, export e servizi di qualità, con un divario accresciuto con il

    – di Carlo Carraro

    I nuovi cluster delle culture giovanili

    Li pensiamo deboli, da proteggere. A volte distanti e indecifrabili. Spesso silenti, quasi invisibili. Eppure saranno loro a costruire il futuro. La difficoltà a conoscere e capire i giovani è tipica di ogni epoca, ma nella nostra lo scostamento tra generazioni appare ancora più ampio a causa delle profonde trasformazioni in corso che rendono i "nativi digitali" ancora più incomprensibili (tanto quanto lo sono le tecnologie). In Italia i giovani tra i 15 e i 29 anni sono il 15% della popolazion...

    – Felicia Pelagalli

1-10 di 519 risultati