Parole chiave

Neet

L’acronimo «Neet» sta a indicare persone «Not in education, employment or training», cioè giovani che contemporaneamente non sono inseriti in un percorso scolastico o formativo e non sono impegnati in un’attività lavorativa. Secondo gli ultimi dati dell’Istat, il fenomeno dei ragazzi 15-24 anni «Neet» interessa circa 1,3 milioni di persone, circa il 20% della popolazione di questa fascia d’età, percentuale che supera il 30% in alcune delle più importanti regioni del Mezzogiorno, come Campania, Calabria e Sicilia

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Demografia | Istat | Sud |

Ultime notizie su Neet

    Giovani e lavoro, cosa ne sarà dell'Italia fra 10 anni

    L'Italia ha già perso 250mila giovani nell'ultimo decennio, il tasso di disoccupazione resta sopra i livelli di guardia e i millennial si riscoprono sempre più poveri. La reazione della politica? Al momento, nulla. Ecco cosa stiamo rischiando

    – di Alberto Magnani

    Giovani

    CHI VINCE

    Il percorso virtuoso di sviluppo che il Sud non riesce a imboccare

    Il risanamento della frattura tra Sud e Nord del Paese è parte rilevante della riduzione dei divari tra l'Italia e il resto d'Europa. Il premier Conte è intervenuto varie volte dopo l'avvio del nuovo governo per ribadire che il rilancio delle regioni del Mezzogiorno è uno degli impegni principali

    – di Alessandro Rosina

    Lo sviluppo passa dalla ripresa degli investimenti

    La percezione che, in questi ultimi anni, un gruppo ristretto di regioni sia il motore dello sviluppo economico italiano è oramai diffusa, soprattutto nel Nord del Paese. In queste regioni si sono concentrate crescita e occupazione, export e servizi di qualità, con un divario accresciuto con il

    – di Carlo Carraro

    I nuovi cluster delle culture giovanili

    Li pensiamo deboli, da proteggere. A volte distanti e indecifrabili. Spesso silenti, quasi invisibili. Eppure saranno loro a costruire il futuro. La difficoltà a conoscere e capire i giovani è tipica di ogni epoca, ma nella nostra lo scostamento tra generazioni appare ancora più ampio a causa delle profonde trasformazioni in corso che rendono i "nativi digitali" ancora più incomprensibili (tanto quanto lo sono le tecnologie). In Italia i giovani tra i 15 e i 29 anni sono il 15% della popolazion...

    – Felicia Pelagalli

    Un welfare per dare (e generare) benessere

    L'Italia è tra i Paesi europei che, nell'azione pubblica, di meno hanno interpretato le misure di welfare come investimento sociale, ovvero come strumenti che consentono ai cittadini non solo di ricevere benessere, ma soprattutto di contribuire a generarlo.

    – di Alessandro Rosina

    Italia avara nell'istruzione: spesa ferma al 3,6% del Pil

    L'Italia dell'istruzione spende poco. E soprattutto male. A ricordarcelo è stata ieri l'Ocse che ha presentato il rapporto annuale Education at a glance 2019. Quasi 500 pagine di analisi, statistiche e tabelle che viste dal di qua delle Alpi somigliano molto da vicino a un cahier de doléances in

    – di Eugenio Bruno e Claudio Tucci

1-10 di 515 risultati