Parole chiave

Modello tedesco

Il modello "tedesco" sulla modulazione degli incentivi per la produzione di energia da fonti rinnovabili è al centro del dibattito acceso che in queste settimane ha riguardato l'iter di approvazione del decreto relativo al cosiddetto quarto conto energia. In sintesi, il modello tedesco prevede che non vi sia alcun tetto prefissato di incentivi, ma sussidi decrescenti nel tempo tenendo conto del progressivo guadagno di efficienza e redditività degli impianti, innanzitutto dei pannelli solari. Su questo aspetto, il "Tavolo della domanda" di Confindustria, che rappresenta le aziende più energivore, ne chiedono l'applicazione completa, per ridurre i pesanti sovraccosti che pesano sulle bollette per finanziare gli incentivi. Una parte degli operatori del settore, invece, spinge per un'applicazione più soft e graduale del modello tedesco.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Finanziamenti alle imprese | Modello tedesco | Confindustria |

Ultime notizie su Modello tedesco

    Battere l'inflazione eliminando i colli di bottiglia produttivi

    Si può conciliare la politica monetaria "paziente" enunciata dalla Bce con un'inflazione che aumenta, anche se in modo disuguale, nel mondo e che appare sempre meno temporanea? Probabilmente sì. Pur al netto delle oscillazioni del prezzo dei prodotti energetici, la cui volatilità risente in forte

    – di Giovanni Tria

    Investimenti e rischi, cosa ci insegna la vicenda patent box

    In Italia centinaia di miliardi del Pnrr, più altri fondi pubblici, saranno impiegati per attivare una crescita economica senza la quale non potrà esserci transizione digitale ed ecologica, tanto meno caratterizzata dalla sostenibilità. Ciò significa mettere in moto una complessa macchina pubblica,

    – di Giovanni Tria

    Keynes, Smith, gli interessi di Biden e i nostri

    «Non è nel nostro interesse». L'affermazione secca con la quale il presidente americano Joe Biden ha giustificato il ritiro delle truppe americane dall'Afghanistan non è stata molto apprezzata nei commenti internazionali, soprattutto quelli occidentali. In effetti, avendo negli occhi le immagini

    – di Giovanni Tria

    Lombardia, un hub a sostegno della formazione dei tecnici

    «Dal 2011 sono stati diplomati 365 studenti ed entro il prossimo ottobre saranno oltre 500 i diplomati dell'Istituto tecnico superiore per le nuove tecnologie della vita della Lombardia» sottolinea Giuseppe Nardiello, presidente della Fondazione Istituto tecnico superiore per le nuove tecnologie

    – di Enrico Netti

    Lombardia, un hub a sostegno della formazione dei tecnici

    «Dal 2011 sono stati diplomati 365 studenti ed entro il prossimo ottobre saranno oltre 500 i diplomati dell'Istituto tecnico superiore per le nuove tecnologie della vita della Lombardia» sottolinea Giuseppe Nardiello, presidente della Fondazione Istituto tecnico superiore per le nuove tecnologie

    – di E.N.

1-10 di 673 risultati