Parole chiave

Mobbing

Il termine mobbing (dal verbo to mob, "assalire", "accerchiare") è stato coniato agli inizi degli anni Settanta dall'etologo Konrad Lorenz per descrivere un particolare comportamento aggressivo tra animali della stessa specie con l'obbiettivo di escludere un membro dello stesso gruppo. È stato applicato al comportamento umano nei luoghi di lavoro dallo psicologo svedese Heinz Leymann. Nel mondo anglosassone si utilizza il termine bullying.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Lavoro | Mobbing | Konrad Lorenz | Heinz Leymann |

Ultime notizie su Mobbing

    A Trento due nuove panchine rosse progettate da studenti e studentesse

    Oggi, giovedì 25 novembre, in tutto il mondo si celebra la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Anche quest'anno l'Università di Trento aderisce e partecipa con una serie di iniziative di sensibilizzazione e informazione nella prevenzione e nel contrasto. Il primo appuntamento sarà per mercoledì prossimo, 1 dicembre a partire dalle 14.15 con l'inaugurazione di due panchine rosse - una al Polo Ferrari 1 di Povo e una nel parco di Mesiano - di recente divenut...

    – Barbara Ganz

    Rischia il posto il collaboratore scolastico che non fa le pulizie

    La disciplina sui profili del personale Ata stabilisce che il collaboratore scolastico è addetto ai servizi generali della scuola con compiti: di accoglienza e di sorveglianza nei confronti degli studenti; di custodia e sorveglianza dei locali scolastici; di collaborazione con i docenti; di pulizia

    – di Pietro Alessio Palumbo

    La (im)potenza della vittima

    Siamo una nazione di vittime? Non mi riferisco qui al drammatico numero di vittime di feminicidio (112 nel 2020, circa una ogni tre giorni) o da infortunio sul lavoro (1.270 nel 2020, dunque più di 3 al giorno) per diminuire (e possibilmente azzerare) il quale facciamo ancora troppo poco. Mi domando piuttosto, sulla scorta di riflessioni tanto mie quanto altrui, se non stiamo assistendo a una celebrazione della vittima, anzi fomentando una glorificazione della vittima, tanto retorica quanto miop...

    – Giuliano Castigliego

    Risarcimento da «straining» se il Dsga sfiducia il bidello

    Le condotte che determinano una «aggressiva sfiducia» nei confronti di un collaboratore scolastico, poste in essere dal direttore dei servizi generali e amministrativi della scuola, non sono riconducibili al fenomeno del "mobbing", bensì a quello meno grave dello "straining", qualora gli episodi

    – di Andrea Alberto Moramarco

    Libertà e lavoro, un connubio impossibile?

    Sono quei casi che vanno dal mobbing, alla discriminazione di genere, fino alle più sottili forme di esercizio del potere discrezionale dei capi rispetto ai dipendenti.

    – di Vittorio Pelligra

    Dare nome e forma alle emozioni

    A livello online un fenomeno altrettanto classico è quello del mobbing, dell'insulto generalizzato o dell'istigazione all'odio.

    – Giuliano Castigliego

1-10 di 255 risultati