Parole chiave

Mid-small cap

Oltre le blue chip che rappresentano i titoli a maggiore capitalizzazione e dove si concentrano di più gli scambi, si apre il mondo delle mid e small cap. È un universo molto composito. Alcune case di investimento pongono l’asticella tra le due categorie al miliardo di euro: sopra sono mid cap mentre sotto sono small cap. Negli ultimi anni con l’arrivo delle Pmi in Borsa si è creata anche la categoria delle microcap, che sono le società più piccole con una capitalizzazione irrisoria.

Ultimo aggiornamento 12 gennaio 2019

Ultime notizie su Mid-small cap

    I consigli dei gestori per investire: il millennial libero professionista

    Giovanni Cuniberti, responsabile della consulenza a parcella di Gamma Capital Markets, suggerisce al millennial con un profilo di rischio moderato di mantenere la liquidità su un conto deposito per i prossimi tre mesi e di aumentare progressivamente l'esposizione ad attività più rischiose se

    Il target dei nuovi Pir è più economia reale

    L'Italia sta spingendo sugli strumenti finanziari in grado di dirottare il risparmio sulla crescita dell'economia reale. Prima con i Pir, introdotti con la Legge di bilancio 2017, contenitori fiscali in grado di garantire l'esenzione dalla tassazione se mantenuti per almeno 5 anni e in presenza del

    – di Gaia Giorgio Fedi

    Grandi aspettative sui profitti delle piccole dell'Aim

    L'effetto Pir sui listini azionari italiani ha l'Aim tra i grandi beneficiari. L'ondata di liquidità che si è riversata sulla piccole imprese ha spinto di oltre 20% questo listino cambiando anche il metro di valutazione degli analisti.

    – di Andrea Gennai e Marzia Redaelli

    Credito non bancario, 35 miliardi alle imprese

    L'Italia post-crisi si scopre meno «bancocentrica». Un po' per la grande gelata del credito bancario che ha costretto le aziende a cercare alternative e un po' per la nascita di mercati nuovi come quello dei minibond o dei Pir, le aziende sono oggi un po' meno dipendenti dal sistema bancario

    – di Monica D'Ascenzo e Morya Longo

    Credito non bancario, 35 miliardi alle imprese

    L'Italia post-crisi si scopre meno «bancocentrica». Un po' per la grande gelata del credito bancario che ha costretto le aziende a cercare alternative e un po' per la nascita di mercati nuovi come quello dei minibond o dei Pir, le aziende sono oggi un po' meno dipendenti dal sistema bancario

    – Monica D'Ascenzo

    I Pir mettono il turbo a performance e multipli delle Pmi quotate

    Più di 5 miliardi (esattamente 5,33 mld) sono finiti in sei mesi (gennaio- giugno) sui fondi Pir con una forte accelerazione nel secondo trimestre de (?4,26 mld vs ?1,06mld del 1trim17). E i 5mld di raccolta netta si sono tradotti in 2,65miliardi di acquisti di azioni italiane, di cui 930mln sulle

    – di Lucilla Incorvati

    Chi teme l' effetto Pir sulle small cap?

    Qual è l'impatto dei Pir sul mercato azionario italiano? La raccolta (oltre i 4 miliardi) ha superato ogni aspettativa (si stima una raccolta complessiva di 10 miliardi entro l'anno) . Il visibile rally che ha portato il Ftse Mid, lo Star e l' AIM a superare, rispettivamente del 18%, del 22% e del

    – di Lucilla Incorvati

1-10 di 12 risultati