Parole chiave

Mattarellum

È il sistema di voto con cui si sono svolte le politiche nel 1994, nel 1996 e nel 2001. Il Mattarellum è formato al 75% da un sistema di collegi uninominali a turno unico (fortemente maggioritario, favorisce i grandi partiti o quelli radicati sul territorio), mentre il restante 25% prevede dei sistemi per garantire le liste minori. Alla Camera il territorio è diviso in 475 collegi, al Senato in 232: in ogni collegio è eletto il candidato con più voti. Alla Camera i restanti 155 seggi (l’elettore riceve una scheda separata) sono attribuiti con il proporzionale: partecipano alla ripartizione le liste che superano il 4% su base nazionale. I seggi sono attribuiti ai candidati con liste bloccate. Per favorire le forze minori, alle singole liste vengono decurtati tanti voti quanti ne sono serviti per far eleggere i vincitori nell’uninominale (il cosiddetto scorporo). Al Senato i restanti 83 seggi sono attribuiti ripescando i migliori candidati bocciati nell’uninominale

Ultimo aggiornamento 22 dicembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Seggio | Candidato | Senato |

Ultime notizie su Mattarellum

    La duplice fiducia di un premier senza un partito

    Forse per non lasciare solo soletto il generale Francesco Paolo Figliuolo, da più parti è stato evocato un altro generale di grande prestigio come Charles de Gaulle. E, manco a dirlo, lo si è accostato all'attuale presidente del Consiglio. Ma questo accostamento, almeno oggi come oggi, è una vera e

    – di Paolo Armaroli

    Parlamentari, il taglio depone a favore del proporzionale

    Un osservatore straniero occasionale potrebbe oggi concludere che per la democrazia italiana sia cruciale l'alternativa tra l'obbligo di vaccino esplicito ovvero occulto, attraverso il Green pass. In realtà, non è così. Per l'art. 32 Cost. l'obbligo vaccinale può essere imposto, purché con legge. E

    – di Giovanna De Minico

    Ciampi, Dini e Monti: i tre precedenti governi istituzionali

    L'allora governatore della Banca d'Italia chiamato da Scalfaro nella fase drammatica di Tangentopoli. L'arrivo di Dini dopo la caduta del primo governo Berlusconi. Con la crisi dello spread arrivano i tecnici guidati da Monti

    Tra maggioritario e proporzionale, quale legge elettorale per spingere il Pil?

    Come in ogni legislatura post Prima Repubblica, l'argomento della riforma della legge elettorale aleggia tra le commissioni parlamentari e sull'agenda di Governo. Non essendoci vincoli costituzionali, l'Esecutivo ha la quasi totale autonomia nella scelta della legge elettorale, che verrà dunque determinata dalla convenienza e dallo scenario politico. In queste ore la maggioranza ha deciso di accelerare sul pacchetto delle riforme costituzionali e sulla legge elettorale, con l'obiettivo di approv...

    – Accademia Politica

    Gualtieri candidato nel collegio-fortino della sinistra

    Il ministro dell'Economia proverà a prendere il seggio lasciato da Gentiloni dopo la nomina a commissario europeo. Lo sfiderà Maurizio Leo. Il precedente del duello tra Berlusconi e Spaventa nel '94

    – di Riccardo Ferrazza

1-10 di 480 risultati