Parole chiave

Loan to value

Il loan to value (Ltv) è il rapporto fra il valore del finanziamento e quello dell'immobile soggetto a ipoteca. Più questo valore è basso, più la banca è tutelata dalla garanzia sull'immobile. In questi anni la percentuale finanziata si è ridotta per la caduta dei valori immobiliari di garanzia e per l'esigenza delle banche di trattenere liquidità a fini patrimoniali. Ora c'è meno paura, e i finanziamenti sono fra il 50 e l'80 per cento. Con qualche istituto che si spinge anche oltre ma chiedendo in cambio uno spread più caro. Le banche praticano spread differenziati in base al loan to value. Chi chiede un mutuo al 50% paga uno spread più basso rispetto a chi chiede un mutuo pari all’80% del valore dell’immobile.

Ultimo aggiornamento 06 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Prezzi e tariffe | Spread |

Ultime notizie su Loan to value

    Mutui, le banche prendono più tempo prima di concederli

    Il tempo che trascorre tra la richiesta di mutuo e l'effettiva erogazione si sta dilatando. Per una serie di fattori tra cui, ultimo ma non meno importante, il duello in corso tra il governo e la Commissione europea per l'approvazione della legge di bilancio. Alla pari di gestori e alcune agenzie

    – di Vito Lops

    Mutui, primi rincari per quelli a tasso fisso

    Dopo una lunga stagione di continui ribassi, i tassi dei nuovi mutui iniziano a salire. Ma non è colpa dello spread tra i BTp e i Bund. Mentre tutti guardano le montagne russe dei nostri titoli di Stato e temono l'impatto sui mutui futuri, a "colpire" per primo gli italiani che cercano casa è stato

    – di Morya Longo

    Banche, un aiuto dall'Europa: meno cari mutui e prestiti

    I mutui residenziali e i prestiti alle Pmi in futuro potrebbero rivelarsi un po' meno costosi di quanto avvenuto fino ad oggi. Così come i finanziamenti legati alla cessione del quinto. E nel contempo, per le banche italiane, potrebbe diventare molto più agevole fare cessioni di crediti deteriorati

    – di Luca Davi

    Il mutuo «copre» il 65% del valore della casa, 5 anni fa quota al 58%

    Nel 2013 un aspirante mutuatario chiedeva di coprire con il finanziamento il 63% del valore della casa, oggi si supera il 70%. Stesso trend se si guarda all'erogato dalle banche: secondo i dati elaborati da Mutui.it, sette punti percentuali di differenza, dal 58,6% del valore al 65,5%.

    – di Emiliano Sgambato

    Le società immobiliari quotate fanno i conti con il primo trimestre 2018

    E' tempo di risultati d'esercizio per le società quotate e in questi giorni sono state diffusi i dati anche delle società quotate, che evidenziano andamenti decisamente differenziati. Aedes. Aedes Siiq ha chiuso il primo trimestre dell'anno con ricavi di 4,3 milioni di euro, in calo dai 4,5 milioni

    – di Evelina Marchesini

    Igd chiude l'aumento di capitale e compra quattro nuove strutture

    Igd ha definito ieri l'acquisizione di alcune strutture retail di Eurocommercial. L'operazione si conclude adesso, a quattro mesi dalla comunicazione del preliminare perché era atteso il termine dell'aumento di capitale finalizzato al deal.

    – di Paola Dezza

    Mutui, sale il rischio volatilità ma non ci saranno impennate

    Sui mercati è scoppiato il caso Libor, uno degli indici interbancari più utilizzati su scala globale dagli istituti di credito per la gestione della liquidità ordinaria e per l'universo dei prestiti a tasso variabile. La recente impennata delle quotazioni di questo indice ha fatto drizzare le

    – di Vito Lops

    Mutui, la nuova strategia delle banche: finanziare più dell'80% del capitale

    Banche a caccia di mutuatari anziché il contrario? Potrebbe apparire un paradosso, vista la difficoltà con cui vaste fasce di famiglie italiane hanno avuto accesso ai prestiti per la casa durante la crisi finanziaria e che, in una certa misura, continuano a incontrare anche adesso. Eppure la realtà

    – di Maximilian Cellino

    Mutui, cresce la quota di prezzo finanziata (loan to value) e l'importo erogato

    Il 2017 si conferma anno positivo per il modo dei mutui, con aumenti sia negli importi richiesti, sia in quelli erogati. Secondo l'Osservatorio Facile.it e Mutui.it, che ha preso in esame un campione di oltre 25mila richieste di finanziamento presentate tramite i due portali, nel corso dello scorso

    – di E.Sg.

    In Spagna la rata più bassa d'Europa

    La politica espansiva della Bce ha influenzato la politica sui mutui di tutti i principali Paesi dell'area euro. Tuttavia dal confronto emergono differenze sostanziali che, in teoria, in un'area valutaria perfettamente funzionante non dovrebbero esistere. Da un'analisi di Mutui.it e Facile.it - si

    – di V.L.

1-10 di 216 risultati