Parole chiave

Livello junk

Quando una obbligazione raggiunge il livello Junk (dal termine inglese "spazzatura") significa che si tratta di un bond con un rendimento elevato e con un alto rischio. Nel caso di aziende, tale tipologia di titoli viene emessa da società disposte, pur di ottenere denaro, a pagare tassi di interesse elevati. L'elevato indebitamento della società emittente comporta una elevata probabilità di fallimento della stessa. Solitamente si intendono «spazzatura» tutte le società che sono valutate dalle agenzie di rating con un voto inferiore alla «BBB-» esclusa. L'avvicinarsi alla soglia spazzatura è temuto in modo particolare quando riguarda il titolo di debito di uno Stato sovrano, perché alcuni investitori istituzionali non possono detenere bond sotto la "A". In Italia, poi, qualsiasi declassamento avrebbe un impatto nefasto sulle banche: anche gli istituti potrebbero vedere ritoccato il rating al ribasso, con conseguente aumento del costo della raccolta

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Società emittente |

Ultime notizie su Livello junk

    I mercati snobbano il Pil Usa, Wall Street positiva, Piazza Affari +2,2%. Rimbalza il greggio

    Gli indici del Vecchio Continente hanno chiuso in deciso rialzo, dopo una mattinata volatile. Il Covid-19 ha fermato la crescita Usa: nel I trimestre il Pil è sceso del 4,8%, livello mai visto dal 2008. Gli investitori hanno preferito ignorare i dati negativi, concentrandosi sui segnali positivi, come l'annuncio di Gilead su l farmaco anti-coronavirus. Spread poco mosso, nonostante il taglio a sorpresa di Fitch del rating italiano

    – di Flavia Carletti e Andrea Fontana

    Europa riparte con gli spiragli sui dazi. Piazza Affari, Moody's spinge le banche

    Indici europei in aumento, la guerra dei dazi resta il pendolo dei mercati. A Milano banche spinte dal report di Moody's e Unicredit sotto i riflettori dopo il piano e in vista del confronto con i sindacati sugli esuberi. Spread in calo a 170 punti, rally del prezzo del petrolio in attesa dell'Opec sui tagli alla produzione e dopo il calo delle scorte Usa. Sterlina sui massimi dal 2017

    – di Paolo Paronetto e Stefania Arcudi

    Italia-Germania, così lo spread del rating si è allargato a 38 gradini

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEFRANCOFORTE- Lo spread del rating tra Italia e Germania si è allargato a 38 "gradini", gli ormai tristemente noti notches: questo è il differenziale cumulativo tra la "AAA" della Germania assegnata da Moody's, S&P's, Fitch, DBRS e Scope e i rating all'Italia riconosciuti da

    – di Isabella Bufacchi

    Nel gran gioco dei rating la Polonia, in lite con la Ue, fa un balzo e supera l'Italia

    Mentre l'Italia attende rassegnata tra qualche giorno il giudizio delle agenzie di rating che tengono ancora l'Italia due gradini sopra il livello "junk", cioè "spazzatura" la Polonia ha messo a segno venerdì un miglioramento sorpassando il Bel Paese. Moody's (rating Baa2) deciderà entro il 31 ottobre; S&P (BBB) il 26. La seconda ha rinvisto di quasi due mesi il giudizio, proprio in attesa che il quadro delle misure previste in manovra si delineasse in maniera più chiara. Intanto i mercati paven...

    – Vittorio Da Rold

    Banche, da maggio in fumo 36 miliardi. Cosa c'è dietro la voragine di Borsa

    Ufficialmente, lo spread tra BTp e Bund è lì, attorno a quota 300 punti base. Un livello che è già sufficiente a mettere in allarme tutte le banche italiane, e a far traballare quelle più fragili. Ma se si va più in profondità, e si mettono controluce i bilanci bancari e gli andamenti dei titoli,

    – di Luca Davi

1-10 di 93 risultati