Parole chiave

Limite del 20%

È il tetto legale quantitativo, rivisto dal decreto Poletti del marzo 2014, che l’impresa deve osservare nella stipula di contratti di lavoro a tempo determinato. Questa misura sta a indicare la giusta proporzione tra contratti a termine e contratti a tempo indeterminato. Se si sfora il tetto, il Dlgs attuativo del Jobs act prevede una sanzione pecuniaria a carico dell’impresa, di importo elevato, che dovrà andare in tasca al lavoratore. Sono però previste deroghe al limite del 20% per esempio per i contratti firmati da over50, da start-up innovative, o imprese che avviano nuove attività

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Contratti di lavoro | Jobs act |