Parole chiave

Licenziabilità

La riforma Madia interviene direttamente anche sulla licenziabilità del dirigente pubblico. Se al termine di un incarico (di quattro anni, rinnovabili previa partecipazione a una procedura di avviso pubblico) il dirigente dovesse rimanere senza un nuovo incarico e dopo un periodo di collocamento in disponibilità non gliene vennisse assegnato un altro, in caso di valutazione negativa può decadere dal ruolo. Per evitare questa prospettiva, può chiedere il demansionamento a funzionario.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Management | Collocamento in disponibilità |

Ultime notizie su Licenziabilità

    Abercrombie vince: è legittimo licenziare il lavoratore che compie 25 anni

    Chi vuole solo giovani dipendenti è autorizzato a licenziarli al compimento dei 25 anni. Il caso dei baby commessi di Abercrombie & Fitch arriva, così, davanti alla Corte Ue. A portarcelo era stato un giovane assunto nel 2010 e poi licenziato al compimento dei 25 anni. Il lavoratore era stato

    – di Francesca Milano

    Viaggio nella disuguaglianza del merito e delle opportunità: capitolo scuola

    Imperversano le discussioni allarmistiche sulla disuguaglianza dei redditi, su quanto guadagni in più un manager rispetto a un impiegato, sui ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Si tratta di un dibattito che, molto spesso, non si basa sui numeri e, soprattutto, ignora le disuguaglianze meritocratiche, frutto del lavoro faticoso e lungimirante di nonni, genitori e figli che meritano rispetto in una società che si vanta di riconoscere un valore sociale alla famiglia. Disuguaglia...

    – Francesco Bruno

    Parigi soffocata dalla spesa pubblica

    Per i francesi il giorno della "liberazione fiscale", quello cioè in cui hanno finito di lavorare per pagare le tasse e iniziato a guadagnare per sé, è stato quest'anno il 29 luglio. Uno in più rispetto all'anno scorso, tre in più rispetto al 2010. Lo ha calcolato, come ormai da tempo, l'Istituto

    – Marco Moussanet

    Riforma Pa: le novità in tre tappe. Decreti antiburocrazia a settembre

    Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 13 agosto, si è concluso l'ultimo passaggio formale per la legge delega di riforma della Pubblica amministrazione. Il ministro della Pa Marianna Madia, all'approvazione definitiva del testo in Senato, lo scorso 4 agosto, aveva spiegato che il lavoro

    Sfida alla burocrazia, da attuare presto e bene

    Perché la pubblica amministrazione cominci davvero a cambiare, bisognerà almeno aspettare i quasi 20 decreti legislativi previsti dalla riforma. Ma il disegno di legge delega approvato ieri dal Senato è un passo importante nel tentativo di scardinare una burocrazia che è forse il freno principale

    – Fabrizio Forquet

    Riforma Pa / Dirigenti e pubblico impiego: si cambia

    Il riordino della dirigenza è uno dei punti nevralgici della riforma. Con la delega arriva il ruolo unico dei dirigenti (uno per lo Stato, uno per le regioni e uno per gli enti locali). Gli incarichi, assegnati in base al merito e alla formazione continua, possono durare quattro anni (con

    Delega Pa, dai dirigenti alle camere di commercio: tutte le novità

    Riordino della dirigenza, con tre ruoli unici (Stato, regioni ed enti locali) e superamento delle due fasce, dove esistono, ma anche incarichi a termine, licenziabilità e valutazione del merito. Razionalizzazione delle partecipate e delle camere di commercio. Dieta dimagrante per gli uffici di

    Delega Pa/Dirigenti pubblici, sì alla licenziabilità

    In base alla riforma, i dirigenti privi di incarico verranno collocati in disponibilità e passato un certo periodo, da definire, decadranno dal nuovo Ruolo unico dei dirigenti. In pratica, l'Aula ha sancito la piena licenziabilità dei dirigenti pubblici.

    Delega Pa al traguardo, l'Aula del Senato dice sì al DDl Madia

    Dopo oltre otto mesi di stop and go, al traguardo in Aula al Senato l'esame in prima lettura della delega sulla Pubblica amministrazione, anche nota come Ddl Madia. Dopo aver terminato ieri le votazioni sugli emendamenti, l'Assemblea ha approvato la riforma con 144 voti favorevoli e 1 astenuto. Le

    – Vittorio Nuti

1-10 di 42 risultati