Parole chiave

Libera pratica

La libera pratica è un regime doganale - previsto all'articolo 79 del regolamento (Cee) 2913/92 (Codice doganale comunitario) - che attribuisce la posizione doganale di merce comunitaria a una merce di origine extra-Ue. L'immissione di una merce in libera pratica avviene mediante il pagamento dei dazi dovuti, l'applicazione delle relative misure di politica commerciale e l'espletamento delle altre formalità volute dalla normativa per l'importazione di una merce. A seguito all'assolvimento della fiscalità interna (Iva e accise) propria dello Stato di immissione in consumo, una merce passa dalla libera pratica all'importazione definitiva.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Libera pratica | Comunità economica europea |

Ultime notizie su Libera pratica

    Porti franchi dell'Est Europa «buco nero» per riciclaggio ed evasione

    Se è vero che l'occasione fa l'uomo ladro, allora i porti franchi disseminati nei cinque continenti di tentazioni sembrano offrirne parecchie per contrabbandieri, trafficanti di droga e armi che vogliono riciclare, nascondere merci o anche semplicemente evadere le tasse. Al netto, logicamente, di

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    Per le imprese sarà decisivo pianificare i flussi di mercato

    Sarà una Brexit «hard», «soft» o addirittura non ci sarà un accordo? Ciascuno di questi scenari avrebbe un impatto diverso da punto di vista doganale e delle scelte di pianificazione delle imprese.

    – di Benedetto Santacroce e Ettore Sbandi

    La check-list per battere il rischio Brexit

    Il conto alla rovescia è già iniziato: nel marzo 2019 la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea. L'impatto sarà diverso a seconda del nuovo accordo che verrà siglato, ma le aziende italiane che operano Oltremanica e i player del mercato internazionale possono giocare d'anticipo utilizzando la leva

    – Benedetto Santacroce

    Dal 1� aprile le nuove regole sui depositi Iva

    Dal 1� aprile cessano le limitazioni oggettive relative alla tipologia dei beni introdotti nei depositi Iva e soggettive in relazione ai soggetti destinatari dei beni estratti nel deposito. Per iniziare, con riferimento all'estrazione dei beni dai depositi Iva, non sarà più necessaria l'iscrizione

    – della redazione

    Depositi Iva: una garanzia «confusa»

    Il regime fiscale dei depositi Iva è nato dopo oltre tre anni dall'inizio del regime di scambi (allora) intracomunitari. Stiamo infatti parlando dell'articolo 50-bis del Dl 331 del 1993, norma adottata con l'articolo 1 della legge 18 febbraio 1997, n. 28.

    – di Raffaele Rizzardi

    Niente «branch» se manca la vendita

    Dopo la tax compliance con il primo accordo con la Ferrero è il turno della prima risposta a un interpello sui nuovi investimenti non inferiori a 30 milioni di euro.

    – di Alessandro Martinelli e Antonio Tomassini

    Sui depositi Iva un accanimento ingiustificato

    Siamo di fronte al tramonto del regime del deposito Iva? In un certo senso sì, anche se l'estensione dell'istituto a tutte le transazioni nazionali che hanno ad oggetto beni che sono destinati ad essere introdotti nel deposito potrebbero spingere i contribuenti (nonostante gli incomprensibili

    – di Benedetto Santacroce

1-10 di 33 risultati