Parole chiave

Letti bassi

Col termine "letti bassi" si fa riferimento a un tipo di cabina, ormai superata nelle navi più moderne, che ospitava due posti letto. Questi venivano detti bassi perché "alti" erano, invece definiti i posti letto aggiuntivi, il terzo ed eventualmente il quarto, che consistevano in cuccette da aprire e che trovavano collocazione sulle pareti della cabina. Oggi gli spazi sulle navi consentono di avere veri letti aggiuntivi e non cuccette. Ma la definizione "letto basso" continua a essere utilizzata per calcolare i posti base della nave, in basi ai quali si può definire il valore di una commessa. Il nuovo ordine di Costa, per esempio, viene pagato dall'armatore 150mila euro per letto basso. Ed essendo i letti 3.700 si arriva al valore di 555 milioni.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Turismo |