Parole chiave

Legittimità costituzionale

La legittimità costituzionale è la conformità delle leggi, statali e regionali, e dei decreti legge alla Costituzione. Il controllo di legittimità è demandato dalla stessa Costituzione alla Corte costituzionale con un apposito giudizio. Il ricorso di legittimità costituzionale può essere proposto da una delle parti - attore, convenuto o magistrato - nel corso di un giudizio ordinario.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Legittimità costituzionale | Corte Costituzionale |

Ultime notizie su Legittimità costituzionale

    Di Maio e i 10 anni di residenza per gli stranieri già bocciati dalla Consulta

    Il reddito di cittadinanza «si rivolge agli italiani» quindi sulla misura della residenza in Italia per 10 anni per gli stranieri «non arretriamo». Così nei giorni scorsi il vicepremier Luigi Di Maio ha ribadito che su questo requisito non si torna indietro, nonostante i rilievi dei tecnici

    – di Marzio Bartoloni

    Decreto sicurezza, sei Regioni pronte a ricorrere alla Consulta

    Si allarga il fronte dell'opposizione alla stretta sui diritti dei migranti imposta dal decreto sicurezza con ormai sei Regioni protese verso la Corte costituzionale. Alla Toscana si sono aggiunte le decisioni di Umbria e Emilia Romagna, mentre Piemonte, Calabria e Sardegna devono ancora votare.

    – di Nicola Barone

    Consulta, no all'uso dei cacciatori per "controllare" la fauna selvatica

    La Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 44 della legge regionale n.10 del 2004 sulla caccia, nella parte in cui, al quinto periodo del comma 2, statuisce che le guardie venatorie, nel dare attuazione ai piani di abbattimento di specie di fauna selvatica, "possono avvalersi", tra l'altro, anche "dei cacciatori iscritti o ammessi agli Atc interessati, nominativamente segnalati dai comitati di gestione", e annovera questi ultimi, alla lettera c) del comma 6, f...

    – Guido Minciotti

    Appalti, Corte Ue: «Solo chi partecipa a gara può impugnarne gli atti»

    Il diritto Ue non impedisce una normativa nazionale per cui, di regola, solo chi partecipa a gara d'appalto può impugnarne gli atti. Tuttavia, il giudice nazionale deve salvaguardare il diritto a una tutela giurisdizionale effettiva. Lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue in una causa che

    La Via più «forte» delle leggi regionali

    Il Dlgs 104/2017 in materia di Via (Valutazione di impatto ambientale) ha rango di norma di riforma economico-sociale. Quindi, è capace di condizionare e limitare anche le competenze statutariamente attribuite alle Regioni speciali e alle province autonome. Tale rango, inoltre, risponde a un

    – di Paola Ficco

    Legittimo destituire il magistrato che accetta prestiti dagli imputati

    Non è contraria alla Costituzione l'automatica rimozione del magistrato responsabile di aver ottenuto prestiti o agevolazioni da soggetti che egli sa essere parti o indagati in procedimenti penali pendenti presso il proprio ufficio giudiziario o comunque nell'ambito del proprio distretto.

    La tassa sui ricorsi torna alla Consulta

    La disciplina della riscossione del contributo unificato tributario torna all'attenzione della Corte costituzionale, a seguito di un'ordinanza della Ctp di Messina, risalente al 2 settembre 2016, ma pubblicata solo ora in Gazzetta ufficiale (Serie speciale n. 34 del 29 agosto 2018). A norma

    – di Enrico De Mita

    Accertamento poco «partecipato»

    La partecipazione attiva del contribuente nella fase che precede l'iscrizione a ruolo del tributo non è necessaria quando l'accertamento inerente al tributo si risolve in un mero controllo documentale. Perciò, l'omesso o tardivo versamento della tassa automobilistica della Regione Sicilia legittima

    – di Enrico De Mita

1-10 di 544 risultati