Parole chiave

legge di Stabilità

La legge di Stabilità 2016 è l’ultima di una serie iniziata con le riforme contabili degli ultimi decenni. Dall’anno prossimo la politica di bilancio dovrebbe correre su binari nuovi, dettati dalla traduzione in norme definitive del principio dell’equilibrio tra entrate e spese e di sostenibilità del debito. Canoni rafforzati nel 2012 con il nuovo articolo 81 della Costituzione e la legge n. 243. Per il 2017 non ci saranno più una legge di Stabilità e una legge di Bilancio distinte ma un unico provvedimento di natura sostanziale, che conterrà nella prima parte norme di variazione di entrata e di spesa come fa oggi la Stabilità, con una seconda sezione con invece le previsioni di entrata e spesa a legislazione vigente con la relativa parte tabellare ridefinita.

Ultimo aggiornamento 22 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Legge di stabilità | Stabilità 2016 |

Ultime notizie su legge di Stabilità

    Legge di stabilità in Aula alla Camera, verso esame senza fiducia con ok sabato

    Si allontana l'ipotesi fiducia sul ddl stabilità, approdato nel pomeriggio in aula alla Camera. Il numero degli emendamenti segnalati dai gruppi non arriverebbe a 100, per cui sarebbe intenzione del governo lasciare che l'Aula proceda con l'esame dei testi. Il via libera è atteso sabato. La manovra

    Uno stallo di nome Upb. Sull' Ufficio parlamentare di bilancio troppi silenzi e veti politici incrociati

    Il pasticcio Upb di cui temevamo già alla fine di dicembre, quando fu pubblicato l'avviso per la presentazione delle manifestazioni di interesse dei candidati, non si risolve. E anzi si complica. Parliamo dell'Upb (l'Ufficio parlmentare di bilancio indipendente sul modello del temuto Congressional Budget Office statunitense), previsto dalla normativa che ha introdotto il principio del pareggio di bilancio in Costituzione e istituto alla fine del 2012 dalla relativa legge di attuazione. Dal 21 ma...

    – Guido Gentili

    Evasione del bollo e strisce blu: il Codice va cambiato, ma nessuno provvede

    Abbiamo cambiato il Codice della strada una novantina di volte, in 21 anni. Alcuni punti anche più volte e non stupisce che spesso riguardassero aspetti dove c'entrano molto la grancassa mediatica, il marketing della politica e gli interessi - spesso legittimi - delle lobby. Ma poi si scopre che altri punti marciscono irrisolti senza che nessuno pensi almeno di aggiornarli. Una realtà che due fatterelli di questi giorni ci hanno sbattuto in faccia. Sono la denuncia fatta dall'Aci su Quattroruote...

    – Maurizio Caprino

    Pareggio di bilancio e una legge da cambiare. Aveva ragione nel 2012 Morando, oggi viceministro Economia

    E' tutto da (ri)leggere il resoconto (pagine 106-129) della seduta del  Senato che approvò definitivamente il 20 dicembre 2012 la legge rinforzata (legge ordinaria votata a maggioranza assoluta, primo caso della storia repubblicana) sull'attuazione del nuovo articolo 81 della Costituzione, riscritto nel 2012. Sullo sfondo il Fiscal Compact, il trattato europeo tra gli stati di cui tanto oggi si dibatte (operativamente se ne discuterà nel 2015).  La seduta per approvare la legge (qui il testo ent...

    – Guido Gentili

    Il sondaggio del Governo sulla burocrazia fa flop. Ma indica che il bollo auto è da rifare

    A volte le operazioni mediatiche non attaccano. Forse perché l'inconsistenza di certe iniziative è evidente anche ai più sprovveduti. O forse perché chi le ha lanciate poi non ha curato abbastanza la promozione. Sta di fatto che all'invito lanciato in autunno dal Governo Letta a cittadini e imprese per indicare le semplificazioni burocratiche maggiormente necessarie hanno risposto appena in 1.953. E la categoria dei dipendenti pubblici è preponderante, segno che molti hanno risposto solo perché ...

    – Maurizio Caprino

    Maradona aderisce alla sanatoria delle cartelle, ma "ballano" ancora 8 milioni

    Diego Armando Maradona sceglie dunque di aderire alla rottamazione delle cartelle esattoriali. La sanatoria è stata appena allungata fino al 31 marzo 2014. Ma "ballano", per così dire, ancora 8 milioni. La differenza tra gli 11 milioni circa sui 40 relativi al debito maturato in questi 25 anni, ai quali si ridurrebbe la cartella grazie alla "sanatoria" sugli interessi di mora varata con la legge di Stabilità per il 2014, e i 3 milioni (per i quali potrebbero intervenire degli sponsor) che invec...

    – Marco Bellinazzo

    Motorino-fantasma per un ignaro proprietario, pasticcio senza soluzioni. Monito per l'archivio unico

    Quando arrivano varie multe per infrazioni mai commesse, c'è da preoccuparsi. Normalmente, è perché il veicolo è stato clonato da ladri, truffatori o simili. Ma può succedere anche perché un concessionario sbaglia e contemporaneamente la pubblica amministrazione la fa facile. In questi casi tutto è più difficile, perché ufficialmente tutte le carte sono in regola e allora è come se non ci fosse modo per uscirne se non falsificandone qualcuna. Non ci credete? Guardatevi la puntata di Mi Manda Rai...

    – Maurizio Caprino

    Renzi, occhio all'attuazione del programma. L'eredità del governo Letta è pesante e insegna molte cose

    Vanno bene (ovviamente se competenti) per la squadra ministeriale nomi di grande richiamo e magari a sorpresa, ma su un punto il presidente del Consiglio in pectore Matteo RENZI non può sbagliare: quello dell'attuazione del programma di governo. Il problema sta passando ora in secondo piano, spiazzato in questi giorni dal diluvio del "totoministri". Eppure, è uno dei temi forti su cui si gioca e si giocherà il successo, o l'insuccesso, dei governi, compreso quello quello prossimo venturo a guida...

    – Guido Gentili

    Cade il Governo, ecco le incompiute che ci lascia: omicidio stradale, archivio unico e...

    Chissà se Anna Maria Cancellieri e Maurizio Lupi resteranno al loro posto anche con l'imminente cambio di governo. Per noi è importante saperlo perché loro sono i due ministri che in questo momento hanno in carico le questioni più importanti che ci riguardano: reato di omicidio stradale, unificazione degli archivi dei veicoli, sicurezza delle strade. Se fossero sostituiti, è probabile che i tempi si dilatino. La Cancellieri, il giorno di Capodanno, si era impegnata a portare in Consiglio dei min...

    – Maurizio Caprino

    Pagamenti possibili online su tutte le tasse e le multe entro fine 2015. Ma poi chi garantisce che siano esatti?

    Multe e tasse pagabili tutte online entro il 31 dicembre 2015: lo prevedeva uno dei tanti decreti sviluppo fatti negli ultimi anni (in questo caso, a metà 2012) e ora sono arrivate le linee guida di attuazione. Ma credo sia più importante quello che le norme non dicono: avremo sempre casi in cui non si potrà pagare online o lo si potrà fare in modo sbagliato. Perché per fare le cose perbene occorrono archivi snelli ed efficienti, mentre la nostra burocrazia che si spartisce le fette del potere e...

    – Maurizio Caprino

1-10 di 20 risultati