Parole chiave

Jackson Hole

È l’appuntamento annuale per economisti e banchieri centrali organizzato dalla Fed. Prende il nome dalla vallata del Wyoming dove gli esperti di tutto il mondo dovrebbero avere un momento di riflessione. Un momento di relax favorito dalla pace della vallata e dalla splendida vista sulle montagne Grand Teton, tra boschi di conifere e fiumi blu. Negli ultimi anni tuttavia su Jackson Hole si sono proiettate le tensioni dell’economia mondiale.

Ultimo aggiornamento 25 agosto 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Jackson Hole | Economia mondiale | Fed |

Ultime notizie su Jackson Hole

    La Fed è pronta a ridurre i tassi, ma non prometterà nuovi tagli

    I mercati hanno pochi dubbi. Il taglio ci sarà. Anche il consensus degli analisti punta a una riduzione dei tassi sui Fed Funds all'1,75-2% dall'attuale 2-2,25%. Un minimo di cautela è però opportuna: la Federal reserve di Jerome Powell, andando in una direzione opposta a quella delle altre banche

    – di Riccardo Sorrentino

    Da New York al Texas: nuove inchieste Usa su Facebook e Google

    Il procuratore della Grande Mela mette nel mirino il social network per eccellenza, istruttoria di 50 stati contro il motore di ricerca di Alphabet: negli States è guerra aperta contro le big tech, pronte a sacrificare i dati degli utenti per il profitto

    – di Marco Valsania

    Super valuta digitale, la strada è in salita

    L'intervento del governatore della Banca d'Inghilterra Mark Carney al Simposio di Jackson Hole solleva diverse questioni già ampiamente dibattute negli anni scorsi: il ruolo delle banche centrali, la funzione del dollaro come valuta di riserva internazionale, l'impatto della globalizzazione

    – di Pietro Reichlin

    Banche centrali, in dieci anni un bazooka da 15mila miliardi

    Se in questi giorni i banchieri centrali hanno il mal di testa non c'è da stupirsi. Perché hanno un cruccio non da poco: sono chiamati a scegliere tra due opzioni, delle quali nessuna però è in grado di assicurare sulla carta quella stabilità dei prezzi che esse perseguono. Il dilemma di fondo è se

    – di Vito Lops

    Super valuta, chi la regola?

    Dopo Mark Zuckerberg e Christine Lagarde anche Mark Carney, governatore della Banca di Inghilterra ed ex presidente del Financial Stability Board, interviene nel dibattito delle criptovalute, pur senza mai menzionarle direttamente.

    – di Domenico Lombardi

    Super valuta digitale, gli scogli della governance e del controllo

    Dopo Mark Zuckerberg e Christine Lagarde anche Mark Carney, governatore della Banca di Inghilterra ed ex presidente del Financial Stability Board, interviene nel dibattito delle criptovalute, pur senza mai menzionarle direttamente.

    – di Domenico Lombardi

    Cina, Svezia e Iran: tutte le Banche centrali che pensano alla loro Libra

    La più vicina a realizzare una valuta digitale potrebbe essere la Cina, che ha preso l'annuncio di Facebook come una sfida per arrivare al traguardo prima che nascesse Libra, se mai vedrà la luce. L'ultimo paese in ordine di tempo ad annunciare un progetto di digitalizzazione della propria moneta è

    – di Pierangelo Soldavini

    Carney propone una «Libra globale» per superare l'egemonia del dollaro

    Una valuta globale, come Libra. Per sostituire il dollaro durante la lenta ascesa del renminbi. E' coraggiosa la proposta avanzata da Mark Carney, governatore della Bank of England, al Simposio Fed di Jackson Hole. Un'idea incompleta, ma «intrigante» che potrebbe risolvere il problema

    – di Riccardo Sorrentino

1-10 di 442 risultati