Parole chiave

Italicum

È la nuova legge elettorale entrata in vigore lo scorso 1° luglio. Prevede un premio di maggioranza tale da raggiungere 340 seggi alla Camera per la lista (e non più alla coalizione di liste) che, superando il 40%, ottiene più voti. Se nessuna lista supera il 40% si va al ballottaggio tra le prime due. Per l’attribuzione dei seggi, l’Italia è divisa in 100 collegi. Nei collegi ogni lista presenta un elenco di nomi (da 2 a nove): il capolista è eletto automaticamente se scatta il seggio, per gli altri candidati valgono le preferenze

Ultimo aggiornamento 20 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Camera dei deputati |

Ultime notizie su Italicum

    Renzi e l'ipotesi scissione, per il Pd sarebbe la sesta in 11 anni

    Se alla fine il nuovo contenitore oltre il Pd creato da Matteo Renzi nascerà davvero, per i dem sarà la sesta scissione in undici anni. Al di là delle smentite, il possibile nuovo partito resta un'opzione in campo, a maggior ragione dopo il ritiro di Marco Minniti dalla corsa congressuale. E il

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    Fine della vocazione maggioritaria? Solo Minniti la difende

    Articolo 3, comma 1: «Il segretario nazionale rappresenta il partito, ne esprime l'indirizzo politico sulla base della piattaforma approvata al momento della sua elezione ed è proposto dal partito come candidato all'incarico di presidente del Consiglio dei ministri». Articolo 18, comma 8: «Qualora

    – di Emilia Patta

    Renzi: se si vota presto il nostro leader sarà Gentiloni

    «Tendenzialmente» sarà Gentiloni, «specie se si voterà presto». Matteo Renzi, a Di Martedì su La7, prende posizione su chi sarà il leader del centrosinistra alle elezioni. Unica avvertenza, che a dire l'ultima parola sulla guida del fronte sarà il premier ora in carica per gli affari correnti («non

    – di Nicola Barone

    Riforme, da Renzi un segnale per ricompattare il partito

    Dopo quasi due mesi di veti incrociati tra i partiti incentrati soprattutto sulle persone (no a Di Maio premier, no a Salvini premier, no a Forza Italia nella coalizione di governo) la proposta dell'ex segretario del Pd Matteo Renzi di un patto costituente tra le forze politiche lanciata ieri sera

    – di Emilia Patta

    Riforme «di carta» se le élite hanno la vista corta

    Le riforme in Italia vivono troppo spesso il breve spazio dell'annuncio, vivacchiano per un po' di tempo e poi vengono annegate in un mare di carta. La debolezza strutturale della politica italiana, in buona parte è qua, in questo senso di abbandono ad un riformismo "à la carte" per cercare

    – di Carlo Marroni

    Il flop delle «leggi dei cittadini»: in venti anni solo 5 al traguardo

    Un'aula più aperta ai cittadini «valorizzando gli istituiti di democrazia diretta previsti dalla costituzione. Per esempio attraverso la previsione di tempi certi per l'esame delle proposte di legge di iniziativa popolare». L'auspicio del neopresidente della Camera Roberto Fico nel suo discorso di

    – di Andrea Marini e Marta Paris

    Riforme costituzionali e Italicum

    Renzi porta avanti da solo il progetto di riforma costituzionale con l'abolizione del bicameralismo perfetto e la modifica della struttura e delle funzioni del Senato, che cessa di essere una Camera elettiva. E la nuova legge elettorale (in sostituzione del Porcellum) ribattezzata Italicum (doppio

    Elezioni 2018: immigrazione e disoccupazione fanno volare Lega e M5S

    Precarietà economica e paure identitarie. Sono questi i fattori dietro il successo del M5S e della Lega. In questo senso l'Italia, seppure su scala maggiore, non è un caso isolato rispetto ad altri paesi europei. Quasi dovunque in occidente le inquietudini prodotte dai processi di trasformazione

    – di Roberto D'Alimonte

    La Rosatellum-story, una legge che ha punito chi l'ha votata

    Come da previsioni, il Rosatellum bis non ha prodotto una maggioranza. E subito è scattato il processo a una legge elettorale che ha avuto una gestazione a dir poco tormentata. Come è nata questa riforma? Chi l'ha voluta? Vale la pena ripercorrere la Rosatellum-story.

    – di Mariolina Sesto

    Consulta, il presidente Grossi: «La Corte deve garantire nuovi valori»

    «La Corte è tenuta a garantire soprattutto i metodi e gli strumenti attraverso i quali variamente si affermano, nella società civile e in quella politica, i nuovi valori o interessi o bisogni che i legislatori non hanno potuto o saputo tutelare adeguatamente». Nella sua ultima relazione annuale da

    – di Vittorio Nuti

1-10 di 1520 risultati