Parole chiave

Italicum

È la nuova legge elettorale entrata in vigore lo scorso 1° luglio. Prevede un premio di maggioranza tale da raggiungere 340 seggi alla Camera per la lista (e non più alla coalizione di liste) che, superando il 40%, ottiene più voti. Se nessuna lista supera il 40% si va al ballottaggio tra le prime due. Per l’attribuzione dei seggi, l’Italia è divisa in 100 collegi. Nei collegi ogni lista presenta un elenco di nomi (da 2 a nove): il capolista è eletto automaticamente se scatta il seggio, per gli altri candidati valgono le preferenze

Ultimo aggiornamento 20 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Camera dei deputati |

Ultime notizie su Italicum

    Il futuro dei parlamenti tra riforma e continuità

    E perciò, come la Corte costituzionale ha prontamente avvertito (nel monito finale della sentenza n. 35 del 2017, sull'Italicum), obbliga, per consentire una qualche funzionalità alla nostra forma di governo parlamentare, ad una sostanziale omogeneizzazione di Camera e Senato.

    – di Nicola Lupo

    Referendum anti-proporzionale, la politica delega ancora ai giudici

    Il tema della legge elettorale, nell'incapacità delle forze politiche di trovare un accordo di sistema che regga per tutti alle contingenze politiche come avviene in altri Paesi europei, è affidato all'iniziativa referendaria leghista e di conseguenza alla decisione dei giudici costituzionali sull'ammissibilità del quesito

    – di Emilia Patta

    Da Rutelli a Bersani, Pd consumato dalle scissioni

    Nato da una fusione (Margherita-Ds), in 12 anni di vita il partito ha subito molti addii. E nel 2017 Renzi scherzava: «Ulteriori scissioni non sono possibili perché abbiamo finito le sigle»

    – di Riccardo Ferrazza

    L'addio di Calenda al Pd, sesta scissione in 12 anni

    Il Pd, partito nato nel 2007 con l'obiettivo di unire l'anima post-comunista e quella cattolica della sinistra italiana, in dodici anni di storia è stato attraversato già da molte scissioni. Sono sei con l'addio di Calenda

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    Toninelli, lo sconfitto della Tav che resta in bilico

    Dopo il sì alla Tav annunciato dal premier Giuseppe Conte, sul ministro M5s Danilo Toninelli, da sempre contrario all'opera, si sono rincorse voci di dimissioni. La sua posizione risulta ulteriormente indebolita

    – di Andrea Gagliardi

    Renzi e l'ipotesi scissione, per il Pd sarebbe la sesta in 11 anni

    Se alla fine il nuovo contenitore oltre il Pd creato da Matteo Renzi nascerà davvero, per i dem sarà la sesta scissione in undici anni. Al di là delle smentite, il possibile nuovo partito resta un'opzione in campo, a maggior ragione dopo il ritiro di Marco Minniti dalla corsa congressuale. E il

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    Fine della vocazione maggioritaria? Solo Minniti la difende

    Articolo 3, comma 1: «Il segretario nazionale rappresenta il partito, ne esprime l'indirizzo politico sulla base della piattaforma approvata al momento della sua elezione ed è proposto dal partito come candidato all'incarico di presidente del Consiglio dei ministri». Articolo 18, comma 8: «Qualora

    – di Emilia Patta

    Renzi: se si vota presto il nostro leader sarà Gentiloni

    «Tendenzialmente» sarà Gentiloni, «specie se si voterà presto». Matteo Renzi, a Di Martedì su La7, prende posizione su chi sarà il leader del centrosinistra alle elezioni. Unica avvertenza, che a dire l'ultima parola sulla guida del fronte sarà il premier ora in carica per gli affari correnti («non

    – di Nicola Barone

    Riforme, da Renzi un segnale per ricompattare il partito

    Dopo quasi due mesi di veti incrociati tra i partiti incentrati soprattutto sulle persone (no a Di Maio premier, no a Salvini premier, no a Forza Italia nella coalizione di governo) la proposta dell'ex segretario del Pd Matteo Renzi di un patto costituente tra le forze politiche lanciata ieri sera

    – di Emilia Patta

1-10 di 1526 risultati