Parole chiave

Ipervenduto

Ipervenduto è una fase di mercato durante la quale la pressione dei venditori è troppo forte e, quindi, difficilmente sostenibile. In analisi tecnica indica, cioè, una condizione raggiunta da un indicatore quando si verifica un eccessivo movimento verso il basso. La conseguenza che ci si aspetta è una altrettanto sproporzionata reazione verso l'alto o quantomeno una lunga fase di consolidamento orizzontale. Con il termine ipervenduto non ci si riferisce quindi ad un volume di vendite ritenuto eccessivo, quanto piuttosto a un crollo dei prezzi da ritenersi infondato. Gli indicatori di ipercomprato/ipervenduto fanno parte della famiglia degli indicatori di momentum e più in generale degli indicatori leading, o indicatori "anticipati". Essi vengono utilizzati con lo scopo ambizioso di anticipare un evento e sono impiegati maggiormente negli andamenti in trading range (andamento laterale) o in fase di eccessi in trend definiti, evidenziando che probabilmente i prezzi si sono spinti troppo velocemente in una direzione.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Indici finanziari | Prezzo |

Ultime notizie su Ipervenduto

    Borse, pronto rimbalzo dell'azionario globale, recuperato il supporto

    Ennesimo capovolgimento di fronte per l'equity internazionale. Due settimane fa la pressione dei venditori aveva portato le azioni in un'area critica. La scorsa ottava invece il recupero è stato pronto e netto: addirittura in termini di performance è stata registrata una delle settimane più

    – di Andrea Gennai

    Tassi Usa, a sorpresa cambia il vento: dopo 10 rialzi ora possono scendere

    Qualche giorno prima di Natale (19 dicembre) la Federal Reserve guidata da Jerome Powell ha alzato i tassi di interesse Usa portandoli in un range compreso tra 225 e 250 punti base. Nel complesso si è trattato della decima stretta di fila all'interno di un ciclo di normalizzazione avviato a

    – di Vito Lops

    Se la Borsa crolla è il momento di comprare? Cinque lezioni dalla storia

    E' bastato poco più di un mese: dai nuovi record storici festeggiati a fine settembre da Wall Street, quando l'indice S&P500 si trovava a sfiorare quota 3000 punti, in poche settimane siamo sprofondati vicino ai minimi dell'anno, con un calo di oltre il 10%. E tutti i guadagni dell'anno si sono

    – di Enrico Marro

    Borse, ecco le strategie di Goldman Sachs per guadagnare nel 2019

    Ormai non c'è analista o strategist che non lo ripeta in ogni occasione utile: il 2019 sarà un anno difficile sui mercati mondiali, molto volatile, tormentato dal moltiplicarsi di indizi sulla fine di uno dei cicli rialzisti più lunghi della storia. Ma secondo Goldman Sachs le occasioni per

    – di Enrico Marro

    Europa prudente, torna in scena la paura dazi. Piazza Affari -0,43%

    Piazza Affari, che ha cambiato direzione più volte , ha chiuso in modesto calo (-0,43%) complice anche l'andamento incerto di Wall Street. Anche le altre Borse europee hanno finito in discesa (Parigi -0,24%, Francoforte -0,4%, Madrid -0,05% e Londra -0,2% circa) una seduta incerta, orientata dalle

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Bitcoin in caduta libera perde il 30% in una settimana: le tre ragioni del crollo

    Il bitcoin non si smentisce mai. Dopo un lungo periodo di innaturale stabilità, la criptovaluta più famosa ha innestato la retromarcia sull'ottovolante crollando di quasi il 30% in una settimana: le quotazioni sono cadute sotto la soglia di 5.000 dollari e attualmente oscillano attorno a 4.500, sui

    – di Pierangelo Soldavini

    L'aumento spinge il Banco

    Parte col piede giusto l'aumento di capitale da un miliardo del Banco Popolare. Sia l'azione che i diritti hanno giocato la seduta in crescendo. In chiusura le azioni si sono fermate a 3,082 euro e i diritti a 1,17 euro. Riunificando il titolo è come se le quotazioni fossero salite a 4,252 euro

    – Antonella Olivieri

    Borse, perdite dimezzate. Scatto di Italia e Spagna

    Se si volesse giudicare il primo trimestre del 2016 delle Borse solo dal saldo finale dell'indice più rappresentativo, l'S&P 500 di Wall Street, si potrebbe dire che è stato un avvio d'anno «senza infamia e senza lode». In realtà quel -0,29% registrato da inizio anno dal paniere delle blue chip

    – Andrea Franceschi

1-10 di 64 risultati