Parole chiave

Interpello qualificatorio

L’interpello ordinario deve riguardare un caso concreto e personale in relazione al quale sussistono condizioni di obiettiva incertezza sull’interpretazione da dare alle norme fiscali o sulla corretta qualificazione giuridico-tributaria del fatto rappresentato dal contribuente. Sono escluse le ipotesi caratterizzateda una spiccata rilevanza dei profili fattuali, che devono essere riscontrati dal Fisco nell’accertamento.

Ultimo aggiornamento 29 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Interpello | Fisco |

Ultime notizie su Interpello qualificatorio

    La «branch exemption» arriva in dichiarazione

    Mentre si avvicina la scadenza per l'invio del modello Redditi 2017, le stabili organizzazioni estere delle imprese nazionali fanno i conti con un quadro normativo ancora incompleto. In attesa di auspicabili futuri chiarimenti da parte dell'ufficio, gli operatori cercano di interpetare le

    – di Andrea Marchegian e Luisa Miletta

    «Branch exemption» al via dal 2017

    Al via dall'esercizio 2017 il regime di branch exemption per le imprese italiane con stabile organizzazione all'estero. Con un provvedimento diffuso ieri, l'agenzia delle Entrate ha definito le modalità attuative dell'opzione per il regime di esenzione dei redditi delle stabili organizzazioni

    – di Luca Gaiani

    L'interpello previene le contestazioni

    I controlli delle Entrate sulla corretta fruizione del credito d'imposta per ricerca e sviluppo si svolgono sulla base della specifica documentazione contabile che deve essere predisposta dall'impresa che aderisce all'agevolazione. In particolare l'articolo 7 del Dm attuativo del 27 maggio 2015

    – Alberto Sandalo