Parole chiave

Institute of International Finance

L'Institute of International Finance (Iif) è l'associazione che riunisce le maggiori banche del mondo e ha come missione la rappresentanza dei loro interessi presso leistituzioni internazionali. Nato nel 1983 come risposta alla crisi internazionale del debito, l'Iif comprende oltre 450 istituti di 70 Paesi, circa metà dei quali europei. Ha sede a Washington e un ufficio di rappresentanza a Pechino.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Ufficio di rappresentanza | Institute of International Finance |

Ultime notizie su Institute of International Finance

    Il mondo affoga in 247mila miliardi di dollari di debiti pubblici e privati

    Ottomila miliardi di dollari. Detti così sembrano numeri irreali. Da fumetti. Ma sono numeri veri. Secondo l'ultima ricerca dell'Institute of International Finance (IIF) i debiti pubblici e privati a livello globale nel solo primo trimestre del 2018 sono aumentati proprio di questa cifra: di 8mila

    – di Morya Longo

    Valute, la fuga selettiva dai mercati emergenti: ecco perché sta cambiando il vento

    Il dollaro in fase di rafforzamento costante e i titoli di Stato americani ormai stabilizzati intorno al 3%, hanno fatto risuonare i primi segnali dall'allarme sui Paesi emergenti. O meglio: di disimpegno. Per lo meno da quelli considerati più esposti sul dollaro, e quindi potenzialmente più

    – di Andrea Franceschi

    Perché il mercato scommette sugli emergenti nonostante la stretta Fed

    L'esposizione sui mercati emergenti dei grandi fondi di investimento è oggi ai massimi da oltre due anni e mezzo. In un suo recente rapporto l'Institute of International Finance ha calcolato che la quota di azionario emergente oggi rappresenti in media il 13,4% del portafoglio dei grandi gestori.

    – di Andrea Franceschi

    I Bond emergenti rendono tanto ma vale la pena correre il rischio?

    Il rallentamento dell'economia cinese, il collasso delle quotazioni del petrolio e la prospettiva di una politica monetaria più restrittiva da parte della Fed hanno provocato, tra il 2013 e il 2015, una colossale fuga di capitali dai Paesi emergenti. In particolare quelli più dipendenti

    – di Andrea Franceschi

    Trump fa marcia indietro: «La Cina non manipola il cambio dello yuan»

    Contrordine compagni: lo yuan non è manipolato. In uno dei mille voltafaccia in questi primi 100 giorni di presidenza, Donald Trump sembra voler lasciar cadere l'accusa rivolta Pechino di pilotare verso il basso la moneta, per favorire le esportazioni delle proprie imprese e rubare «American jobs».

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    G-20, pace armata tra Usa e Germania. Oggi incontro Trump-Merkel

    Divise sulle principali questioni economiche e soprattutto da un surplus commerciale tedesco nei confronti di Washington che lo scorso anno ha sfiorato i 50 miliardi di euro e che l'amministrazione Trump ritiene inaccettabile, Germania e Stati Uniti hanno scelto di adottare un tono costruttivo, pur

    – di Alessandro Merli

    Mustier a Francoforte: UniCredit caso di successo tra le banche europee

    «Gli investitori, sia europei, sia americani, guardano ora positivamente alle banche europee. L'ho potuto constatare con il nostro aumento di capitale». Jean-Pierre Mustier, amministratore delegato di UniCredit, si è presentato a una platea di alcune centinaia di banchieri e investitori a

    – dal nostro corrispondente Alessandro Merli

1-10 di 142 risultati