Parole chiave

Inflazione

Si ha «inflazione» quando si assiste ad un aumento costante dei prezzi di beni e servizi, che causa una diminuzione del potere di acquisto della moneta. Secondo le teorie quantitative, un aumento della moneta in circolazione causa un aumento dei prezzi e la diminuzione del potere di acquisto della moneta stessa. Questa teoria si basa sul fatto che in un mercato circola una quantità di moneta di valore pari a quello delle merci e dei servizi scambiati in quel determinato momento. Si parla di “iperinflazione” quando l’inflazione mensile supera il 50%. Si parla di “deflazione”, invece, quando si assiste a una diminuzione del livello generale dei prezzi. Si parla di “disinflazione” quando l’inflazione diventa molto bassa o nulla.

Ultimo aggiornamento 12 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Inflazione | Diminuzione del potere di acquisto |

Ultime notizie su Inflazione

    Iran, economia da tempo di guerra: le sanzioni Usa affondano il Pil (-9,3%)

    Con l'inflazione ufficiale che ormai punta verso il 50%, la svalutazione del rial che ha raggiunto tassi inimmaginabili solo due anni fa (oggi sul mercato nero ci vogliono 117mila rial per un dollaro americano, mentre il tasso ufficiale è... Proprio nel 2016 il Pil iraniano era balzato del 10% circa mentre l'inflazione era tornata sotto le due cifre.

    – di Roberto Bongiorni

    Tassi, monete e shock dell'economia

    ...di inflazione. ... Nel 2018, la Fed ha continuato ad aumentare i tassi di interesse ritenendo che la crescita economica fosse eccessiva per essere compatibile con l'obiettivo di mantenere stabile il tasso di inflazione.

    – di Andrea Monticini

    Cedolare sui negozi estesa ai rinnovi

    La questione è dubbia, ma la risposta dovrebbe essere positiva, quando l'incremento non serve a mascherare un adeguamento del canone all'inflazione.

    – di Cristiano Dell'Oste e Luigi Lovecchio

    Noi siamo il nostro paniere Istat

    E sono stati praticamente sempre presenti anche per il paniere Istat, quell'insieme di beni e servizi che determinano l'indice dei prezzi al consumo dell'intera collettività e che permette di stabilire l'inflazione periodica attraverso numerose e... Nel complesso, le quotazioni di prezzo usate ogni mese per stimare l'inflazione sono circa 6 milioni e provengono dagli uffici comunali di statistica, direttamente dall'Istat, tramite scanner data (verifiche online) e infine dalla base dei prezzi...

    – Infodata

    Effetto banche centrali ma non solo, Piazza Affari (+1,9%) guida l'Europa

    Ampi progressi per i listini del Vecchio Continente, sostenuti anche da Wall Street che sale più dell'1%. Sotto i riflettori le mosse della Germania e delle Banche centrali, con gli stimoli annunciati dalla Cina e le possibili azioni di Fed e Bce. Si continua a guardare ai rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina. A Piazza Affari volano Cnh Industrial, le banche e gli industriali. Spread chiude invariato a 208 punti

    – di Flavia Carletti e Stefania Arcudi

    Italia e Spagna all'esame dello spread

    Come ho avuto modo di illustrare in un recente lavoro, nella nostra area valutaria l'inflazione è una variabile esogena rispetto al rischio sovrano in quanto la banca centrale non ha la possibilità di monetizzare il deficit pubblico su richiesta... Ne discende che – considerato che diversi livelli di inflazione erodono nel tempo il valore del debito in maniera differente – un'analisi più accurata della dinamica dei rischi sovrani va depurata dal rischio di inflazione.

    – di Marcello Minenna

    L'allarme recessione e l'errore della Fed

    La Fed ha due obiettivi statutari – inflazione ed occupazione – e la rilevanza di uno shock macroeconomico, in questo caso l'incertezza del ciclo internazionale, dovrebbe essere motivata. ... Inoltre, aggiungere il tema dell'inflazione anemica – come ha fatto la Fed in questa occasione - peggiora ulteriormente il giudizio sulla banca centrale america. ... Ultima chicca: i dati di agosto sull'inflazione americana ci dicono che la decisione della Fed è stata...

    – di Donato Masciandaro

    Argentina, Fitch e S&P abbassano il rating. Tutte accese le spie di allarme del debito

    L'anno prima l'inflazione aveva toccato il 23,9% ed erodeva salari e risparmi. ... L'anno scorso - con la crisi monetaria che ha richiesto l'intervento del Fondo monetario internazionale - la situazione è addirittura peggiorata: l'inflazione è salita al 47,6% e le aspettative per quest'anno puntano al 40 per cento. ... Un'inflazione così alta avrebbe richiesto una politica monetaria molto restrittiva, con grande sofferenza per le imprese "al...

    – di Riccardo Sorrentino

1-10 di 15289 risultati