Parole chiave

Igp e Dop

L’indicazione geografica protetta (Igp) indica un marchio di origine attribuito dalla Ue a quei prodotti agricoli e alimentari per i quali una determinata qualità o una fase specifica di produzione e/o trasformazione dipende dall’origine geografica (una regione o un Paese)

La denominazione di origine protetta (Dop) , è invece un marchio di tutela giuridica attribuito dalla Ue agli alimenti le cui caratteristiche particolari dipendono da un territorio specifico di produzione, che combina fattori naturali, umani e un rigido disciplinare di produzione.

Ultimo aggiornamento 11 marzo 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Marchi e brevetti | Igp | Unione Europea |

Ultime notizie su Igp e Dop

    Polonia gourmet, Cracovia capitale europea della cultura gastronomica

    Cracovia è la Capitale europea della Cultura Gastronomica 2019. Il riconoscimento è stato conferito dall'Accademia europea della Gastronomia e sarà festeggiato il 18 luglio nei giardini dell'Ambasciata della Repubblica di Polonia a Roma. Saranno presenti i due chef di ART, Michal Cienki e Wiktor Kowalski, uno dei ristoranti storici e più premiati di Cracovia. ART è uno degli esempi più significativi della rinascita gastronomica della città con una cucina moderna e creativa che attinge alle trad...

    – Fernanda Roggero

    Nestlé metterà le etichette-semaforo sui cibi venduti in Europa

    Entro fine anno sui prodotti Nestlé venduti in Europa apparirà la discussa etichetta a semafori "Nutriscore" che indica con lettere, dalla A (la scelta più salutare) alla E (meno salutare), e colori dal verde al rosso, la presenza nei cibi di frutta, verdura, fibre, proteine, zuccheri, sale, grassi

    – di Enrico Netti

    Food: i prodotti Dop e Igp valgono 13,6 miliardi di euro. Tutti i numeri

    Nel 2018 è l'alimentazione la principale voce del budget di italiani e stranieri in vacanza nel Bel Paese: quest'estate infatti il 35% della spesa dei turisti è stato destinato alla tavola, con un impatto economico pari a 30 miliardi di euro su base annua. Il cibo si conferma così il valore aggiunto della vacanza made in Italy con 110 milioni di presenze legate al turismo enogastronomico. Il dato non ci stupisce, soprattutto se pensiamo che negli ultimi 20 anni (1996-2016) il numero di Indicazi...

    – Michela Piccoli

    L'accordo Ceta abbatte dazi e riconosce le Dop, ma per Coldiretti colpisce il made in Italy

    E' scattato oggi (sia pure in via provvisoria) il Ceta, l'accordo di libero scambio Ue-Canada L'accordo prevede quasi azzeramento dei dazi doganali, riconoscimento per la prima volta di una quarantina di prodotti del made in Italy Igp e Dop, apertura alle importazioni di formaggi dove l'Italia è un big, semplificazione per l'export di vini e liquori ma anche di pasta, biscotti, dolciumi, preparati come la salsa di pomodoro. Crollano i costi per l'export in Canada, le quali nel 2015 hanno raggi...

    – Emanuele Scarci

    Consorzio aceto balsamico di Modena, eletto presidente e nuovo Cda

    Il Consorzio di tutela aceto balsamico di Modena Igp corre ai ripari. Mariangela Grosoli è la nuova presidente e succede al dimissionario Stefano Berni. Un comunicato recita che l'elezione è avvenuta venerdì pomeriggio all'unanimità tra i membri del rinnovato consiglio d'amministrazione all'indomani delle dimissioni dell'ex presidente Stefano Berni. Il comunicato non fa cenno alle dimissioni di De Nigris che del resto non siede più nel nuovo Cda. La Grosoli è titolare, insieme alla famiglia, de...

    – Emanuele Scarci

    A Tutto Food il potere dell'innovazione alimentare: dall'aceto che non finisce di stupire alla grappa di Prosecco

    Sarà pure aceto, ma non finisce di stupire. Non solo perché ottenuto da una pluralità di materie prime naturali (uva-vino, mele-sidro, miele, cereali, riso ?) e da tempo immemore condimento alimentare. Come dire di un prodotto della tavola che, nelle differenti declinazioni, trova la massima espressione nell'aceto balsamico Dop "tradizionale di Modena". Vanto indiscusso dell'offerta gastronomica made in ItalY (nella foto, tinaia di aceto balsamico di Modena). Non finisce di stupire perché, pur t...

    – Nicola Dante Basile

    Più qualità nel carrello della spesa

    La deflazione regala una piccola grande soddisfazione alle famiglie italiane: il tornare a mettere qualche prodotto di qualità e costo maggiore nel carrello della spesa. Un cambio di comportamento reso possibile dall'inflazione negativa che a parità di budget libera quasi un punto percentuale di

    – di Enrico Netti

    Falsi Dop e Igp valgono 4,3 miliardi. Contraffazione colpisce soprattutto Francia e Italia

    4,3 miliardi di euro, secondo le stime Euipo, è il giro d'affari della contraffazione di prodotti Igp e Dop in Europa 682 milioni di euro, è il giro d'affari della contraffazione in Italia 1,5 miliardi di euro, è il giro d'affari della contraffazione in Francia, il Paese europeo più colpito dalla circolazione dei falsi Il mercato dei falsi prodotti alimentari Dop e Igp è variegato tanto quanto quello degli originali e crea danni ingenti al comparto alimentare. Secondo una mappatura tracciat...

    – Infodata

1-10 di 18 risultati