Parole chiave

Ifi

Le Istituzioni finanziarie internazionali (Ifi) sono organismi istituiti da più di un Paese e quindi sono soggetti di diritto internazionale . Le più importanti sono state create con l'apporto di più nazioni diverse (anche se alcune istituzioni finanziarie bilaterali vengono tecnicamente definite Ifi). Le più note sono la Banca mondiale, il Fondo monetario internazionale (fondati nel 1944 e che hanno sede a Washington) e le banche di sviluppo regionale. Le più importanti tra queste banche regionali sono la Inter-American Development Bank (nata nel 1959 e che ha sede a Washington), la Banca asiatica di sviluppo (istituita nel 1966, con sede a Manila), la Banca africana di sviluppo (quartier generale ad Abidjan, creata nel 1964) e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, fondata a Londra nel 1991).

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Sviluppo regionale | Ifi | Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo | Fmi | Inter-American Development Bank | Banca Mondiale |

Ultime notizie su Ifi

    La saga Air Italy, dai fasti dell'Aga Khan al fallimento

    La compagnia è stata fondata nel 1963 in Costa Smeralda. Si è sviluppata con un patto di non concorrenza con Alitalia. Ha avuto diversi soci di minoranza, da Agnelli a Gentile, l'ultimo, il Qatar, con un piano faraonico mai realizzato

    – di Gianni Dragoni

    Torneremo a viaggiare per lavoro, ma nulla sarà più come prima

    Post di Daniele Grassi, security risk manager presso IFI Advisory - La sostanziale riapertura dei confini europei ha segnato l'avvio della "fase due" per la mobilità internazionale, spingendo molte aziende a riprendere la pianificazione delle proprie attività all'estero, nella speranza che il trend di riapertura in atto sia oramai incontrovertibile. L'economia italiana è tra quelle che hanno maggiormente risentito degli effetti negativi della pandemia, tuttora in corso in ampie regioni del mon...

    – Econopoly

    Il design è morto. Viva il design

    E' forse finita l'epoca in cui si possedevano pezzi "belli". Oggi piuttosto vogliamo fare esperienze e offrire una nostra immagine. E i progettisti si adeguano

    – di Luca Bianchetti*

    Il design è morto? Forse no, ma quello scandinavo ora lo fa Greta

    L'autore di questo post è Luca Bianchetti. Laureato in ingegneria e psicologia, ha un MBA. Ha fatto il consulente direzionale con società multinazionali, si è occupato di molti progetti di trasformazione e di ridisegno dei processi. E' piuttosto convinto che la forma delle cose abbia un rilevante effetto sulle persone. Ha riflettuto sulla personalità dei creativi e ha seguito lo sviluppo di alcuni prodotti di design per un mobiliere italiano - In un post precedente partivo dalla considerazione s...

    – Econopoly

1-10 di 216 risultati