Parole chiave

High frequency trading

Letteralmente «scambio ad alta frequenza», è la modalità operativa utilizzata da operatori che ottengono bassi margini di guadagno su numeri elevati di scambi. Non di rado a gestire questa operatività sono software di calcolo, basati su algoritmi che comprano e vendono titoli in modo automatico. Da più parte questa operatività è additata come responsabile della volatilità dei mercati, che può amplificare le posizioni rialziste o ribassiste sui titoli quotati sulle piattaforme di scambio. La tobin tax prende il nome di James Tobin che propose nel 1972 di colpire con un prelievo fiscale le transazioni sui mercati valutari, con l'effetto di stabilizzarli, disincentivando la speculazione a breve e costituire entrate da destinare alla collettività. Da allora si è acceso un ampio dibattito a livello internazionale, sulle possibili modalità applicative.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Alta frequenza | James Tobin |

Ultime notizie su High frequency trading

    Facebook, per la criptovaluta Zuckerberg fa pace con i gemelli Winklevoss

    L'ultima volta che si erano visti era in aula di tribunale. Ora Mark Zuckerberg e i gemelli Winklevoss si sono rimessi attorno al tavolo per discutere di criptovalute, nello specifico quella che Facebook starebbe mettendo a punto nel segreto degli uffici di Menlo Park. Almeno così sostiene il

    – di Pierangelo Soldavini

    Vaticano: «Tassare le transazioni offshore per combattere la fame nel mondo»

    E' un passaggio, verso la fine del lungo documento, quasi un inciso. E' lì che la Santa Sede ipotizza «una minima tassa sulle transazioni compiute offshore per risolvere buona parte del problema della fame nel mondo: perché non intraprendere con coraggio la via di una simile iniziativa?».

    – di Carlo Marroni

    Borse: 2017, l'anno in cui «morì» la volatilità in Borsa

    Il 1929 fu l'anno del crollo di Wall Street. Il 1987 quello del Lunedì Nero. Nel 2000 scoppiò la bolla internet e nel 2008 il sistema finanziario mondiale quasi implose. Ma il 2017? Probabilmente verrà ricordato nei libri di storia finanziaria come l'anno in cui la volatilità è morta, o almeno

    – di Enrico Marro

    Il BTp a prova di tapering, timori e risposte alla fine del Qe

    Chi prenderà il posto della Bce e della Banca d'Italia quando il Qe avrà fine? Chi acquisterà ogni mese tra i 7 e i 9 miliardi di titoli di Stato italiani, con vita residua tra i 12 mesi e i 30 anni, indipendentemente dai prezzi e dai rendimenti e senza curarsi dell'andamento del rischio Paese, per

    – di Isabella Bufacchi

    Un mercato senza ombre per tutelare il risparmio

    Che cosa significa «governance»? Nella definizione standard, o in stile Wikipedia, è «l'insieme dei principi, delle regole e delle procedure che riguardano la gestione e il governo di una società, di un'istituzione, di un fenomeno collettivo». La parola «mercato» non appare in modo esplicito, ma

    – di Alessandro Plateroti

    Il «mercato» è figlio dei fiori

    «Siete mai stati in un borgo di campagna in un giorno di fiera?» Cominciano così le Lezioni di Politica Sociale di Luigi Einaudi. Per capire che cos'è un mercato, nel 1949 l'economista piemontese suggeriva di far visita a una fiera di paese. La fiera di Einaudi aveva il vantaggio di essere un luogo

    – di Alberto Mingardi

    Prospettive algoritmiche da finanza

    Betterment è una startup dell'asset management specializzata in robo-advisor: la sua piattaforma proprietaria abilita transazioni e un'allocazione di portafoglio automatizzate, compreso il reinvestimento di eventuali dividendi non appena incassati. A oggi ha superato i 195mila clienti con una massa amministrata di oltre 6 miliardi di dollari. Nel mondo sono quasi 300 miliardi i risparmi gestiti in maniera quasi del tutto automatica. A.T. Kearney stima che i robo-advisor possano arrivare a govern...

    – Pierangelo Soldavini

    Obiettivo: dare il tempo giusto alla finanza

    La regola d'oro per avere successo in finanza è semplice: comprare quando le quotazioni sono basse e vendere quando sono più alte. Non facilissimo, come sanno gli operatori del settore. Ma il vero problema, da qualche anno a questa parte, è anche il quando, dato che quantità enormi di scambi, il 30% almeno di quelli azionari e fino a quasi il 50% per i derivati, vengono eseguiti in tempo reale da computer che agiscono in base ad algoritmi sofisticati, e - si spera - anche saggi. Questi sistemi d...

    – Leopoldo Benacchio

    Il robot batte l'uomo e «guadagna» con Brexit

    Gli algoritmi? Con la Brexit hanno guadagnato. Non tutti, è ovvio. Ma ciò che emerge dai dati è chiaro: i robot, negli scambi post-referendum, si sono tolti la soddisfazione di battere gli umani. Gli hedge fund, venerdì scorso, complessivamente hanno perso soldi. Secondo l'Hfrx Global Hedge Fund

    – Vittorio Carlini

1-10 di 99 risultati