Parole chiave

Hartz IV

È la più importante delle quattro leggi di riforma del lavoro varate in Germania tra il 2003 e il 2005 per ridurre e razionalizzare le prestazioni del welfare ai disoccupati. Prende il nome dall'allora direttore delle risorse umane del gruppo Vw, Peter Hartz. Il provvedimento ha riformato soprattutto il programma di assistenza sociale (non contributivo) che comprende un assegno minimo di sussistenza e un sussidio sociale per aiutare a coprire alcune spese: affitto, riscaldamento e soddisfazione dei bisogni della vita quotidiana.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Legge di riforma | Vw | Peter Hartz |

Ultime notizie su Hartz IV

    Germania, il matrimonio difficile fra Cdu e Verdi

    Non passa giorno in Germania senza la pubblicazione di un sondaggio sulla politica. In questa maniacale inflazione di percentuali, una delle più recenti misurazioni degli umori dell'elettorato tedesco va oltre il sali-e-scendi dei partiti ed entra nel merito delle questioni aperte, dando la chiave

    – di Isabella Bufacchi

    Il futuro dell'Europa dipende dal dopo Merkel in Germania

    La sospensione di Fidesz, la formazione politica guidata dal leader ungherese Viktor Orbán, dal Partito popolare europeo è solo la punta emersa di un iceberg politico che determinerà il futuro europeo. Il cuore del problema è il rapporto che i partiti di centro e centro-destra sceglieranno di avere

    – di Carlo Bastasin

    Jobcenter, come si fa a trovare lavoro in Germania

    Spese annue amministrative, tra cui lo stipendio di 934 dipendenti: 80 milioni. Budget annuale per la formazione e l'integrazione dei «clienti» beneficiari dell'indennità di disoccupazione a lungo termine Hartz IV, compresi gli incentivi ai datori di lavoro: 60 milioni. Sussidi di disoccupazione e

    – di Isabella Bufacchi

    Chiudiamo il cerchio: replica alle critiche al Reddito di Cittadinanza

    L'autore di questo post è Gabriele Guzzi, laurea con lode in Economia alla Luiss e poi alla Bocconi. Ha lavorato per lavoce.info come fact-checker, è stato presidente di Rethinking Economics Bocconi e attualmente è dottorando presso l'Università Roma Tre - Ringrazio Massimo Famularo e il think tank Tortuga per le loro due repliche al mio primo post "lettera ai critici del Reddito di Cittadinanza". Li ringrazio anche perché mi danno l'occasione di spiegare meglio alcuni punti e di esporre più ac...

    – Econopoly

    Reddito di cittadinanza: ibrido distorsivo tra lavoro e povertà

    Scrivendo su temi legati alla povertà, si rischia di attirare le polemiche di chi richiama continuamente la crisi dell'ultimo decennio, la pesante recessione ed i cinque milioni di poveri. Si tratta di critiche parziali però, dalle quali non bisogna farsi influenzare nelle analisi di una misura politica. Perché tenere conto dei cinque milioni di poveri ma non dei quasi quattro milioni di lavoratori irregolari stimati da Istat? O dei quasi cento miliardi di euro di sommerso derivanti da sottodich...

    – Francesco Bruno

    Terapia per l'Italia in 15 punti, dalle grandi opere al lavoro di cittadinanza

    Post di Guido Iodice e Daniela Palma, autori di Keynes blog - Di cosa ha bisogno il nostro Paese per uscire dalla crisi ormai pluridecennale nella quale si ritrova? Non certo dell'assistenzialismo (il reddito di sudditanza) con spruzzatine di neoliberismo (la flat tax) del governo Lega-5Stelle. L'Italia è un paese economicamente malato, le cui difese immunitarie si sono da tempo indebolite. Per questo serve una vera cura, non buttare soldi nell'omeopatia economica, per poi magari scoprire che n...

    – Econopoly

    Italia scroccona? Anche l'Europa ha le sue colpe, vediamo perché

    L'autore di questo post* è Corrado Macchiarelli, Research Fellow in Politica Economica Europea presso la London School of Economics e Docente di Economia e Finanza presso la Brunel University - L'Italia ha un piano fiscale e di spesa che è attualmente considerato una delle maggiori sfide alle regole di funzionamento dell'Unione Economica e Monetaria (UEM). Il pacchetto di spesa italiano, che è stato respinto in una mossa storica da parte della Commissione europea, è stato rivisto dal governo, s...

    – Econopoly

    «Regole d'ingaggio» per l'incontro Conte-Juncker

    Sabato sera, il primo ministro, Giuseppe Conte, incontrerà il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Si tratta di un incontro che sarebbe stato meglio richiedere quando la trattativa era ancora aperta. Prima cioè che la stessa Commissione si legasse le mani nel giudizio

    – di Carlo Bastasin

    Centri per l'impiego, come funzionano i sussidi in Germania

    BERLINO - Incontrando l'8 ottobre a Berlino il ministro del Lavoro tedesco, Hubertus Heil, il vicepremier Luigi Di Maio ha citato a più riprese "Hartz IV", spiegando di voler adattare alla realtà italiana il modello tedesco di sussidio di disoccupazione con condizionalità.

    – dal corrispondente Isabella Bufacchi

    In Germania aiuti senza limiti di tempo ma massima trasparenza

    In Germania dal 1° gennaio 2005 è in vigore il cosiddetto Hartz IV, destinato ai disoccupati e a gli occupati che necessitano di un'integrazione per raggiungere il livello minimo di sussistenza. Copre i costi per l'alimentazione, l'abbigliamento e il riscaldamento. La gestione è affidata ai

1-10 di 29 risultati