Parole chiave

Global value chains

Negli ultimi venti anni

si è verificato un graduale cambiamento nel modello di commercio internazionale

che è passato da scambio di beni (trade-in-goods) a scambio di funzioni per la produzione di quei

beni (trade-in-tasks). Ne è conseguito un nuovo assetto della divisione internazionale del lavoro, in cui molti beni divengono il risultato di lunghe “catene produttive globali” (global supply chains o global value chains Gvc) alle quali imprese di paesi diversi aggiungono pezzi di valore. Questo fenomeno è stato definito “nuova globalizzazione”. Secondo il ministero degli Affari esteri, «la letteratura sulle Gvc si concentra non più sui settori ma sulle funzioni di business che compongono la supply chain quali R&S, procurement, marketing, customer service, poiché i paesi stanno ora tendendo a specializzarsi in specifiche funzioni piuttosto che in industrie».

Ultimo aggiornamento 24 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Ministero degli affari Esteri |

Ultime notizie su Global value chains

    Nuova economia e nuove imprese richiedono una nuova formazione manageriale

    Come ormai evidente, la nuova economia è sempre più caratterizzata dai seguenti concetti: incertezza, tecnologia, intelligenza artificiale, sicurezza sanitaria (e non), innovazione, creatività, robotica, algoritmi, sostenibilità ambientale, big data, global value chains, riorganizzazioni

    – di Marco Grumo *

    Reshoring, alcune ipotesi sugli effetti della pandemia

    Post di Hervé Domenighini, Sales Director Key Accounts Assos of Switzerland e studente EMBA Ticinensis 2019-2021 - Dal 2011, circa 250 aziende hanno avviato progetti di rilocalizzazione in Europa o nel proprio Paese di origine, secondo il progetto denominato European Reshoring Monitor, di cui circa 140 hanno portato a termine il processo entro il 2020, per un totale di 12.840 nuovi posti di lavoro creati o da creare secondo le proiezioni. Per tenere traccia di queste pratiche di re-shoring la C...

    – Econopoly

    Ritorno a casa? No, la pandemia non frena la globalizzazione (per ora)

    Un sondaggio svolto da Bankitalia sulle imprese italiane conferma una tendenza già emersa circa gli esiti che la pandemia ha generato sui processi di globalizzazione. Ossia che le pratiche di reshoring, ossia di rilocalizzazione dei processi produttivi fino ad oggi svolti all'estero, rimangono residuali. Questa considerazione va inquadrata all'interno di una tendenza che ormai da anni sta generando il rallentamento dell'internazionalizzazione. Quindi di quelle che sono lo strumento attraverso i...

    – Maurizio Sgroi

    La globalizzazione che non rallenta ai tempi del Covid: quella finanziaria

    Ci voleva un breve quanto arguto paper pubblicato dal NBER per ricordare una semplice evidenza agli osservatori, che guardano sgomenti i guasti che la grande crisi del 2008 e la pandemia oggi hanno prodotto alla globalizzazione. Ossia, che se ci sono chiari segnali di un rallentamento del commercio internazionale, non se ne intravede alcuno per l'altra faccia della globalizzazione: quella finanziaria. Quest'ultima è la controparte dello sviluppo del commercio internazionale, visto che a un movi...

    – Maurizio Sgroi

    Cina e capitali: tra benefici per l'economia e rischi per la sicurezza

    Post di Mario Angiolillo e Flavio Menghini. Angiolillo è direttore dell'Osservatorio Relazioni EU-UK-USA di The Smart Institute. Esperto di tematiche geopolitiche e di relazioni internazionali, svolge attività di advisory per diverse società con particolare riferimento agli impatti e alle opportunità offerte da Brexit. Menghini, esperto di commercio internazionale e foreign direct investment, si occupa in particolare di relazioni esterne dell'Unione Europea e sviluppo sostenibile -  L'Unione Eu...

    – Econopoly

1-10 di 50 risultati