Parole chiave

Frode carosello

Il meccanismo fraudolento della “frode carosello” si basa su operazioni triangolari tra Paesi membri della Comunità europea e attraverso l’introduzione di una o più società che fanno da filtro. La condotta fraudolenta punta ad aggirare la normativa sul regime Iva degli acquisti intracomunitari, realizzando operazioni fittizie con il solo scopo di arrivare a poter detrarre crediti Iva del tutto inesistenti.

Ultimo aggiornamento 16 gennaio 2018

Ultime notizie su Frode carosello

    Slovenia, quelle operazioni bancarie sospette a due passi dall'Italia

    I soldi sporchi è meglio non lavarli in casa. Meglio uscire dai confini nazionali e dalle rigide normative antiriciclaggio italiane. Neppure serve andare troppo lontano, appena varcato il confine con la Slovenia ci si può appoggiare alla New Credit Bank Maribor (Nkbm), una banca che sarebbe stata

    – di Cecilia Anesi, Gabriele Cruciata, Giulio Rubino*

    Stop all'import illecito: la Ue protegge il patrimonio culturale

    Il 13 luglio 2017 sono state presentate dalla Commissione Europea le nuove regole per l'importazione dei beni culturali provenienti da paesi extra-europei. Le nuove misure, raccolte neltesto Cracking down on the illegal import of cultural goods used to finance terrorism , sono solo l'ultima fase

    – di Roberta Capozucca e Giuditta Giardini

    Quel traffico d'oro che imbarazza Banca Etruria

    La leggenda aretina narra che nelle fortune del distretto dell'oro ci sia lo zampino di Licio Gelli, passato alla storia come il Venerabile della Loggia P2. La città racconta ancora che nella scomparsa di decine di tonnellate d'oro che facevano parte di un carico di 60 tonnellate che l'allora re

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    La Gdf scopre un patrimonio illecito di 22 miliardi

    Nel 2016 la Guardia di finanza ha portato alla luce un patrimonio criminale di circa 22 miliardi. Tra sequestri e confische alla mafia (3,9 miliardi), distrazioni patrimoniali in danno di società fallite (2,9 miliardi), proposte di sequestro di disponibilità patrimoniali e finanziarie per il

    – di Roberto Galullo

    Depositi Iva: una garanzia «confusa»

    Il regime fiscale dei depositi Iva è nato dopo oltre tre anni dall'inizio del regime di scambi (allora) intracomunitari. Stiamo infatti parlando dell'articolo 50-bis del Dl 331 del 1993, norma adottata con l'articolo 1 della legge 18 febbraio 1997, n. 28.

    – di Raffaele Rizzardi

    Sulla compliance occorre estendere il raggio d'azione

    La cooperazione tra fisco e contribuente si arricchisce di giorno in giorno di strumenti volti a sviluppare un dialogo preventivo rispetto agli obblighi dichiarativi, ovvero volti a introdurre sistemi che a fronte di un costante scambio di informazioni ovvero attraverso l'adozione di procedure di

    – di Benedetto Santacroce

1-10 di 47 risultati