Parole chiave

Forze lavoro

Le forze lavoro, secondo la definizione Istat, comprendono le persone occupate e quelle disoccupate. Le persone che non fanno parte delle forze lavoro sono invece gli inattivi, ossia le persone comprese tra i 15 e i 74 anni che desiderano lavorare; sono disponibili a lavorare entro le due settimane successive quella di riferimento; non hanno cercato un lavoro nelle quattro settimane che precedono quella di riferimento

Ultimo aggiornamento 20 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Forza lavoro | Istat |

Ultime notizie su Forze lavoro

    Neet ventenni e trentenni: occorrono politiche diversificate per età

    Secondo la XXIII Indagine AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati, ad un anno dal conseguimento del titolo, il tasso di occupazione è mediamente inferiore al 70 per cento e, a cinque anni, le percentuali salgono oltre l'80 per cento, per quanto un'analisi sulla qualità del lavoro mostri percentuali elevate alla voce "contratti non standard" e "lavoro autonomo", ovvero principalmente collaborazioni occasionali (nelle figure seguenti il dettaglio storico per tipologia di laurea cons...

    – Eleonora Maglia

    Sicim, 1,5 miliardi di commesse per il gruppo di Busseto

    Il colosso degli impianti oil&gas scommette sulle pipeline per l'acqua. Portafoglio ordini realizzato al 100% all'estero. L'ad Cagnani: «Vinte due gare tra Perù e Iraq da mezzo miliardo di dollari».

    – di Ilaria Vesentini

    Da aprile cambiano le rilevazioni sulle forze di lavoro. Come si misura l'occupazione?

    Per rientrare nel calcolo degli occupati non si dovranno superare i tre mesi consecutivi di assenza dal lavoro, anche se lo si è per via di una cassaintegrazione. Mentre per essere classificati come membri di una famiglia non basteranno più la coabitazione e il legame di parentela: bisognerà verificare pure la condivisione del reddito o delle spese (housekeeping), criterio che varrà per studenti e lavoratori temporaneamente assenti perchè impegnati fuori sede: restano membri della famiglia se...

    – Infodata

    Il principio di codeterminazione, l'esempio tedesco e perché funziona

    Nelle scorse settimane, l'ex ministro della Giustizia Andrea Orlando (PD) ha scatenato un acceso dibattito pubblico sulla necessità di esercitare un potere di controllo e vigilanza nelle aziende che beneficiano degli ingenti prestiti erogati dallo Stato italiano. Richiamandosi all'esempio della Germania, l'esponente del Partito Democratico ha suggerito che lo Stato possa entrare nel Cda delle aziende beneficiarie per un determinato periodo, in modo da garantire che l'impresa mantenga gli impegni...

    – Accademia Politica

    Autunno caldo, tutti i posti di lavoro a rischio dopo le vacanze estive

    Le proiezioni di Bankitalia e Istat disegnano scenari "incandescenti" per l'occupazione post Covid. Rischiano soprattutto le donne, vista la difficoltà di conciliare vita e lavoro se le scuole non dovessero riaprire completamente

    – di Davide Colombo e Claudio Tucci

1-10 di 79 risultati