Parole chiave

Fmi

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) è un’organizzazione composta da 188 Stati membri. I suoi principali obiettivi, come si legge nell'articolo 1 dell'accordo istitutivo, sono: promuovere la cooperazione monetaria internazionale; facilitare l'espansione del commercio internazionale; promuovere la stabilità e l'ordine dei rapporti di cambio evitando svalutazioni competitive; ridurre la misura
degli squilibri delle bilance
dei pagamenti.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fmi | Stato membro | Stati Membri |

Ultime notizie su Fmi

    La guerra dei dazi? La pagano imprese e consumatori

    Quanto egli effetti dell'escalation della guerra dei dazi sul Pil mondiale, con tariffe sull'intero ammontare dell'interscambio tra Cina e Usa, l'Fmi stima una perdita dello 0,3%. ... Infatti, la ricerca dell'Fmi sottolinea che la flessione delle importazioni Usa dalla Cina sono state compensate dall'aumento delle importazioni da altri Paesi, soprattutto dal Messico. ... L'Fmi lancia l'allarme da tempo.

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Un nuovo contratto sociale per la società del XXI secolo tra necessità di governance ed intelligenza collettiva

    Una realtà complessa ed interconnessa quella che fa da sfondo alla necessità di un nuovo contratto sociale che possa essere il nuovo collante di una società ad elevata precarietà, a livello politico, giuridico e sociale. Il leitmotiv che informa il White Paper del World Economic Forum dell'Aprile del 2019 segnala, propriamente, la necessità di cooperazione globale; plasmare, come un demiurgo, una nuova architettura globale nell'era della IV Rivoluzione industriale contemplando nuovi modelli di p...

    – ADAPT

    Derivati, i 5 Paesi a maggior rischio bancarotta

    La recessione in cui il Paese è sprofondato tra il 2015 e il 2016 ha fatto esplodere il debito pubblico: era al 20% del Pil nel 2012 oggi si attesta al 45% del Pil e il Paese è stato costretto a chiedere finanziamenti al Fmi e varare un piano di... La crisi economica e finanziaria che ha colpito l'ex repubblica sovietica costringendola a chiedere finanziamenti al Fmi è strettamente correlata alla crisi con la Russia culminata con l'annessione della Crimea nel 2013 e al conflitto...

    – di Andrea Franceschi

    Il polso dell'inflazione globale: la demografia conta

    Nonostante i recenti - ed inattesi - dati positivi sulla congiuntura economica globale, le previsioni ufficiali delle banche centrali e delle istituzioni sovranazionali restano pessimistiche. Il 2019 potrebbe vedere un ulteriore rallentamento della crescita sincronizzato su scala globale. Il tasso

    – di Marcello Minenna

    Usa-Cina, dalle ciliegie all'hi-tech: i settori più colpiti dalla guerra commerciale

    NEW YORK - «Siamo preoccupati. Siamo nel mezzo di una crisi del settore agricolo che dura da sei anni. Chiediamo che i negoziatori negozino, invece di pensare a ritorsioni. In particolare i coltivatori di soia hanno bisogno di mercati aperti». A parlare è Will Rodger, dirigente dell'American Farm

    – di Marco Valsania

    La crisi argentina e la maledizione del debito estero

    I problemi finanziari dell'Argentina sono tornati alla ribalta nelle ultime settimane, con gli investitori esteri fortemente sfiduciati - se non in panico - sulle capacità del governo liberista del presidente Macri di poter tener fronte al servizio del debito e preoccupati da un ritorno della

    – di Marcello Minenna

    Il cortocircuito delle tasse sugli immobili

    Tra i suoi tanti primati - rigorosamente negativi - la tassazione immobiliare in Italia vanta anche la singolare peculiarità di scontentare "quasi" tutti. In effetti, se si esclude il caso, o forse dovremmo dire l'anomalia dell'abitazione principale, di motivi per stare allegri se ne vedono davvero

    – di Salvatore Padula

    Imu, Tasi, imposte su redditi e rogiti: stangata da 40 miliardi sulla casa

    La febbre sugli immobili segna 39,5. Intesi come i miliardi di imposte che lo Stato e i Comuni hanno reperito l'anno scorso da fabbricati e terreni, in aumento del 2% sul 2017. E quest'anno il termometro pare destinato a marcare un altro rialzo, dopo il via libera ai rincari dei tributi locali

    – di Dario Aquaro e Cristiano Dell'Oste

    Il prezzo «giusto» del petrolio: per i sauditi 85 dollari. E per gli altri?

    Gli interessi dell'Arabia Saudita contrastano con le richieste di Donald Trump di aumentare la produzione di petrolio in modo da farne calare il prezzo. Riad ha infatti bisogno che il barile scambi a 85 dollari - contro gli attuali 72 dollari circa - per far quadrare il bilancio dello Stato nel

    – di S.Bel.

    Ristrutturare il debito farebbe danni immensi

    La parola «ristrutturazione» riferita ai debiti sovrani è stata espunta dalle dichiarazioni del summit sulla riforma dell'Eurozona che si è tenuto nel dicembre scorso. Ne sono rimaste però alcune tracce: l'affermazione che l'assistenza finanziaria dell'Esm (il Fondo salva Stati europeo) viene

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

1-10 di 6993 risultati