Parole chiave

Firma elettronica

La firma elettronica, prevista dalla direttiva 1999/93/Ce, è stata recepita nel nostro ordinamento con il decreto legislativo 10/2002. A dire il vero, non c'è solo una firma elettronica, ma più firme, con vari livelli di sicurezza. In particolare, la firma digitale si basa su un certificato qualificato e su un doppio sistema di chiavi crittografiche (codici alfanumerici) , una pubblica e una privata, generate dal certificatore: se le chiavi "combaciano" è la garanzia della provenienza e dell'autenticità del documento informatico

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Software | Firma elettronica |

Ultime notizie su Firma elettronica

    Un cloud nazionale per la Pa interconnessa

    Si articola in sei aree tematiche il piano di digitalizzazione della pubblica amministrazione da realizzare con i soldi del Recovery fund

    – di Antonello Cherchi

    Domande e Risposte

    Qual è la differenza tra firma digitale e firma elettronica qualificata?In Italia i termini «firma elettronica qualificata» e «firma digitale» sono sostanzialmente due sinonimi.

    In tre mosse i commercialisti possono dimenticare la carta

    Con il Covid accelerata la dematerializzazione. Per i consulenti fiscali gli step di crescita tecnologica puntano su piattaforme bidirezionali, firme avanzate e siti con servizi extra ad alto valore aggiunto

    – di Valeria Uva

    InfoCert per lo Smart Working. Con il digitale, riparti e competi

    Un brusco e generale cambio d'abitudini. E' questo che l'emergenza sanitaria per la pandemia da coronavirus ha provocato. Anche in ambito business.Restrizioni alla vita quotidiana e alla mobilità hanno reso lo smart working l'unica possibilità concreta di mantenimento della piena operatività per

    – CREATO PER INFOCERT

    SPID: ora vale anche per firmare

    Lo  SPID, ovvero  il sistema di identificazione digitale pubblica  è il meccanismo che permette a cittadini ed imprese di accedere ai servizi online della pubblica amministrazione e dei privati aderenti con un'identità digitale unica. L'identità SPID è costituita da credenziali (nome utente e password) che vengono rilasciate all'utente e che permettono l'accesso a tutti i servizi online. Il 26 marzo 2020 l'AGID, ovvero l'agenzia per l'Italia digitale, ha emanato le linee guida che consento...

    – Fulvio Sarzana

    Il mercato è pronto ad allargarsi ma i privati rischiano l'uscita di scena

    L'identità digitale a uso professionale non è l'unica novità che si prepara a investire il sistema Spid. Di qualche giorno fa è, infatti, la pubblicazione da parte di Agid delle linee guida per la realizzazione di un modello di Rao (Registration authority office) pubblico, che consentirà alla

    – di Antonello Cherchi

1-10 di 179 risultati