Parole chiave

Financial stability board

Il Financial Stability Board (Fsb), costituito nel 1999, riunisce rappresentanti dei governi, delle banche centrali e delle autorità nazionali di vigilanza sulle istituzioni e sui mercati finanziari, di istituzioni finanziarie internazionali, di associazioni internazionali di autorità di regolamentazione e supervisione e di comitati di esperti di banche centrali. Il Financial Stability Board si propone in particolare di promuovere la stabilità finanziaria a livello internazionale in tutti i suoi aspetti, migliorare il funzionamento dei mercati e ridurre il rischio attraverso lo scambio costante di informazioni e la cooperazione internazionale tra le autorità di vigilanza

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Banca centrale |

Ultime notizie su Financial stability board

    La Fed fa i conti con il cambiamento climatico

    Powell, Brainard e i loro colleghi per la prima volta affrontano l'effetto serra e le implicazioni che ha per la politica monetaria e la supervisione del sistema finanziario. Ispirati dagli istituti centrali europei e nonostante Donald Trump

    – di Marco Valsania

    Mes, 5 miti da sfatare sul Fondo salva-Stati

    Il dibattito sul Mes sta facendo emergere una lunga serie di mistificazioni ed equivoci sull'istituzione di Bruxelles. Ecco alcuni dei luoghi comuni più diffusi su come funzionerebbe lo European stability mechanism

    – di Costantino De Blasi*

    Ecco le 5 bufale più in voga sul famigerato fondo salva-stati (MES)

    L'autore del post è Costantino De Blasi, risk manager e financial advisor / Liberi, Oltre le illusioni - Il dibattito sorto attorno alla riforma dell'ESM (MES) presenta elementi di confusione e mistificazione della realtà. A prescindere dalle posizioni ideologiche - pro o contro l'integrazione europea - occorrerebbe sempre che si facesse informazione corretta. In questo caso invece, forse ancor più che sull'adozione della moneta unica, demagogia, pressappochismo e una non indifferente dose di c...

    – Econopoly

    Dentro Libra: pro e contro la moneta di Zuckerberg

    Un bel sogno che si sta infrangendo inesorabilmente contro un muro di realismo. Da un lato, un'accoglienza tiepida da parte del pubblico, dall'altra la diffidenza e il cinismo da parte dei governi ne stanno ridimensionando le ambizioni

    – di Luciano Somoza e Tammaro Terracciano

    Libra vista da dentro: pro e contro al di là del marketing

    Gli autori di questo post sono Luciano Somoza e Tammaro Terracciano, entrambi PhD candidate presso lo Swiss Finance Institute (Losanna e Ginevra). Le loro principali aree di interesse sono rispettivamente regolamentazione finanziaria e macroeconomia internazionale. Attualmente stanno approfondendo l'impatto delle stablecoins e il loro framework regolamentare -  Lo scorso luglio Mark Zuckerberg ha annunciato il lancio di Libra, una nuova criptovaluta che ambisce a rivoluzionare il sistema finanz...

    – Econopoly

    Onu, firmato da 130 banche mondiali l'impegno alla "finanza sostenibile"

    New York - Hanno firmato in 130. Centotrenta banche internazionali forti di asset per 47mila miliardi di dollari. Hanno firmato il documento di lancio dei Principles for Responsible Banking, i Principi per l'attivita' bancaria responsabile. Un Magna Carta della finanza sensibile ai drammi sociali e

    – di Marco Valsania

    Super valuta, chi la regola?

    Dopo Mark Zuckerberg e Christine Lagarde anche Mark Carney, governatore della Banca di Inghilterra ed ex presidente del Financial Stability Board, interviene nel dibattito delle criptovalute, pur senza mai menzionarle direttamente.

    – di Domenico Lombardi

    Super valuta digitale, gli scogli della governance e del controllo

    Dopo Mark Zuckerberg e Christine Lagarde anche Mark Carney, governatore della Banca di Inghilterra ed ex presidente del Financial Stability Board, interviene nel dibattito delle criptovalute, pur senza mai menzionarle direttamente.

    – di Domenico Lombardi

    Tre cose che dovremmo chiederci sugli esuberi di UniCredit

    L'autore di questo post è Massimo Famularo, investment manager esperto in crediti in sofferenza (Npl) - La discussione sui possibili esuberi del prossimo piano industriale di UniCredit si è svolta come da prevedibile copione: Nel primo atto, trapela un'indiscrezione, con un bel numero tondo, di quelli che piacciono ai titolisti dei giornali:10.000 licenziamenti. Nel secondo, la comprensibile replica dei sindacati che, nelle colorite parole di Lando Sileoni della Fabi, includerà la possibilità ...

    – Econopoly

1-10 di 539 risultati