Parole chiave

FESR

Il Fesr - acronimo che sta per Fondo europeo di sviluppo regionale - è il Fondo che contribuisce principalmente allo sviluppo e all’adeguamento strutturale delle regioni europee considerate in ritardo di sviluppo, nonché alla riconversione economica e sociale di quelle che sono riconosciute alle prese nel loro territorio con difficoltà, non semplicemente congiunturali, tipicamente strutturali.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fondo europeo per lo sviluppo regionale | Acronimo |

Ultime notizie su FESR

    Apre il Children's Museum del Nordest: dove la scienza si può (si deve!) toccare con mano

    A Verona la scienza diventa immersiva, coinvolgente e magica. Affascina, diverte, e si può - anzi, si deve - toccare con mano. Dieci giovani esploratori infatti hanno varcato per primi, esattamente alle ore 10 del 10 settembre, la soglia del Children's Museum Verona. E sembrava quasi avessero in mente le parole di Albert Einstein: «La cosa importante è non smettere di porre delle domande. Mai perdere il gusto di una sacra curiosità». Nelle espressioni meravigliate e nel desiderio appassionato...

    – Barbara Ganz

    Al via i minibond per le Pmi della Campania

    Garanzia Campania Bond è lo strumento di finanza innovativa progettato dalla Regione Campania a sostegno della crescita delle piccole e medie imprese del territorio. La dotazione finanziaria è pari a 37 milioni di euro. Le aziende hanno tempo fino al prossimo 9 dicembre per presentare la propria manifestazione di interesse. Oggi inizia il road show

    – di Daniela Russo

    Lombardia, ritornano le controgaranzie

    Aperta dal 1° settembre la Linea di intervento Controgaranzie 2, replica dell'iniziativa dell'anno scorso, con il fine di migliorare l'accesso al credito di Pmi e liberi professionisti sia in termini di nuovo credito, sia di diminuzione dei costi delle garanzie.

    – di Confprofessioni

    Per le realtà più piccole la strada dei fondi indiretti

    I fondi europei sono un'importante risorsa poiché generano benefici e crescita per gli enti e i territori in cui se ne fa uso: sapersi organizzare è la prima mossa utile per poter partecipare ai bandi finanziati con tali risorse.

    – di Andrea Boffi e Elisabetta Savino

    Ecco le regioni più in ritardo nella spesa dei fondi europei

    Entro fine anno l'Italia deve spendere 3 miliardi e 238 milioni di euro dei programmi operativi regionali e nazionali per non perdere la quota di risorse comunitarie (Fondo europeo di sviluppo regionale e Fondo sociale europeo) che a spanne vale circa 2 miliardi di euro. In termini di distanza dall'obiettivo di fine 2019 fissato dalla clausola "N+3" (che prevede il disimpegno automatico delle risorse non spese entro tre anni dall'iscrizione sul bilancio comunitario) è poco meno di un quarto (24,...

    – Giuseppe Chiellino

    Più tempo per aderire ai bandi che finanziano le imprese della "Valle dello Star Bene"

    Comelico, territorio interamente alpino all'estremità più settentrionale del Veneto e della provincia di Belluno. Un territorio complesso, a maggior ragione dopo la tempesta dello scorso ottobre, ma con l'ambizione di crescere e - come spiegano i documenti e le idee al centro della progettualità dell'area - diventare la "valle dello star bene". Per questo, però, servono risorse. La Regione del Veneto ha prorogato al 28 ottobre prossimo il termine entro cui sarà possibile presentare la domanda ...

    – Barbara Ganz

    L'Emilia Romagna cresce con l'export ma il futuro è incerto

    Nel 2018, l'economia della Regione è cresciuta grazie alle vendite estere e agli investimenti. Con effetti benefici su occupazione e consumi. Ma tra Brexit e dazi, l'eccessiva apertura del sistema pone dubbi sul futuro

    – di Laura Cavestri

    Climate change: incentivi europei per l'industria pulita

    Il cambiamento di percezione europea sui rischi del cambiamento climatico e sulla necessità di riconvertire il sistema industriale verso un modello a basso impatto è fotografato innanzitutto dai numeri. Il Quadro finanziario pluriennale 2014-2020 dell'Unione europea fu firmato con la previsione di

    – di C.Fo.

    Fondi Ue, entro fine anno 3,24 miliardi da spendere

    Entro fine anno l'Italia deve spendere 3 miliardi e 238 milioni di euro dei programmi operativi regionali e nazionali per non perdere la quota di risorse comunitarie (Fondo di sviluppo regionale e Fondo sociale) che a spanne vale circa 2 miliardi di euro. In termini di distanza dall'obiettivo a

    – di Giuseppe Chiellino

1-10 di 573 risultati